Biografia di Arthur Schopenhauer

Arthur Schopenhauer
Nazione: Germania    
Arthur Schopenhauer nacque a Danzica (attualmente in Polonia ma all'epoca facente parte del regno di Prussia) il 22 febbraio 1788 e morì a Francoforte sul Meno, Germania il 21 settembre 1860. Fu un filosofo.

Ebbe i natali da un prospero mercante, Heinrich Floris Schopenhauer, e sua moglie molto più giovane, Johanna. La famiglia si trasferì ad Amburgo quando Schopenhauer aveva cinque anni, perché suo padre, un sostenitore dell'illuminismo e degli ideali repubblicani, trovò Danzica inadatto dopo l'annessione prussiana. Suo padre voleva che diventasse un mercante cosmopolita come lui e quindi viaggiò spesso con lui: lo mandò a vivere con una famiglia francese per due anni, il che gli permise di diventare fluente in francese. Fin dalla tenera età desiderò essere uno studioso. Piuttosto che costringerlo a seguirlo nella sua carriera, Heinrich gli fece una proposta: il ragazzo poteva accompagnare i suoi genitori in un tour in Europa, dopo di che avrebbe fatto apprendista con un mercante, o frequentare un ginnasio in preparazione per frequentare l'università. Scelse la prima opzione: in questo viaggio la profonda sofferenza che osservò dei poveri contribuì a plasmare la sua visione del mondo filosofico pessimista.

Quando giunse ai 17 anni, suo padre morì, molto probabilmente suicida: lui, sua sorella Adele e sua madre ricevettero una considerevole eredità. Due anni dopo la morte di suo padre, con l'incoraggiamento di sua madre, si liberò dal suo obbligo di onorare i desideri di suo padre, e iniziò a frequentare un ginnasio a Gotha. Fu un allievo straordinario: padroneggiò il greco e il latino mentre era lì, ma fu licenziato dalla scuola per aver sbalordito un insegnante.
La madre decise di impegnarsi nella vita sociale e intellettuale della città. Incontrò un grande successo come scrittrice e la sua casa divenne il centro della vita intellettuale della città con luminari come Johann Wolfgang von Goethe, i fratelli Schlegel e Christoph Martin Wieland regolarmente presenti. Il successo di Johanna ebbe un impatto sul futuro del figlio, perché lo introdusse a Goethe, che portò alla loro collaborazione su una teoria dei colori. In uno degli incontri di sua madre, Schopenhauer incontrò anche lo studioso orientalista Friedrich Majer, che stimolò un interesse per tutta la vita nel pensiero orientale. Purtroppo lui e sua madre non andarono più d'accordo e si allontanarono. Si trasferì all'Università di Berlino nel 1811 allo scopo di frequentare le lezioni di Johann Gottlieb Fichte, che all'epoca era considerato il più eccitante e importante filosofo tedesco del suo tempo. Nel 1814 si trasferì a Dresda si dedicò a completare il suo sistema filosofico: Pubblicò il suo lavoro principale che espose questo sistema, The World as Will and Representation, nel dicembre del 1818, che non ebbe successo; nel 1820 ottenne il permesso di tenere lezioni presso l'Università di Berlino, ma con altrettanto scarso successo. Nel decennio successivo soffrì di una varietà di malattie. Tentò di fare carriera come traduttore dalla prosa francese e inglese, si sposò, ma divorziò dopo cinque anni.

Nel 1831 fuggì da Berlino a causa di un'epidemia di colera (un'epidemia che in seguito tolse la vita a Hegel, suo 'rivale') e si stabilì a Francoforte sul Meno, dove rimase per il resto della sua vita. A Francoforte, divenne nuovamente produttivo, pubblicando una serie di opere che esponevano vari punti nel suo sistema filosofico: dal 1834 al 1936 lavorò a Sulla volontà nella natura, opera che rappresenta una summa dei suoi precedenti studi; nel 1839 venne premiato dalla Società norvegese per il suo saggio Sulla libertà del volere umano: fu il primo riconoscimento ufficiale. Pubblicò un'opera di saggi filosofici popolari e aforismi rivolti al grande pubblico nel 1851 con il titolo, Parerga e Paralipomena (Opere secondarie e osservazioni a campana): il più improbabile dei suoi libri, gli valse la sua fama insperata trascorse il resto della sua vita contornandosi di donne e amici finché iniziò ad avere difficoltà respiratorie e tachicardia; dopo essersi ammalato di polmonite iniziò anche ad avere sporadiche emorragie polmonari. Fu trovato morto sulla sua sedia.

Frasi di Arthur Schopenhauer

Abbiamo un totale di 204 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Il grado di socievolezza di ciascuno sta in rapporto inverso al suo valore intellettuale.


Le trovi comunque tutte qui di seguito.

Pagina:    1 - 2 - 3 - 4 - 5