Biografia di Voltaire

 Voltaire
Nazione: Francia    
Voltaire, pseudonimo di François-Marie Arouet, nacque il 21 novembre 1694 e morì il 30 maggio 1778 a Parigi. Fu filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, enciclopedista, autore di fiabe, romanziere e saggista.

Studiò presso i Gesuiti al collegio Louis-le-Grand di Parigi (1704-1711). Il suo padrino, l'abate de Châteauneuf, lo introdusse alla società libertina del Tempio. All'Aia (1713) lavorò come segretario d'ambasciata, ma una relazione con la figlia di un profugo ugonotto lo costrinse a tornare a Parigi. Iniziò la tragedia Edipo (1718), e scrisse alcuni versi irrispettosi, diretti contro il reggente, che gli valsero la prigionia alla Bastiglia. Una volta rilasciato, fu esiliato a Châtenay, dove adottò lo pseudonimo di Voltaire, anagramma di "Árouet le Jeune" o luogo di origine di suo padre, Air-vault.
Un alterco con il cavaliere di Rohan, in cui fu picchiato dai suoi lacchè (1726), riportò Voltaire alla Bastiglia; dopo cinque mesi fu rilasciato ed esiliato in Gran Bretagna fino al 1729. Alla corte di Londra e nell'ambiente letterario e commerciale britannico fu accolto calorosamente: l'influenza britannica iniziò a guidare il suo pensiero. Pubblicò Henriade (1728) e ottenne un grande successo teatrale con Brutus (1730); nella Storia di Carlo XII (1731), fece una dura critica alla guerra, e la satira Il tempio del gusto (1733) indispettì i circoli letterari parigini. Ma la sua opera più scandalosa furono le English Letters (1734), in cui trasformò un brillante rapporto sulla Gran Bretagna in un aspra critica del regime francese. Per lui fu emesso un mandato d'arresto, ma riuscì a fuggire, rifugiandosi a Cirey, in Lorena, dove, grazie alla Marchesa de Châtelet, condusse una vita conforme ai suoi gusti per il lavoro e l'interazione sociale (1734-1749 ).

Il successo della sua tragedia Zaïre (1734) spinse Voltaire a cercare di rinfrescare il genere: scrisse Adélaïde du Guesclin (1734), La morte di César (1735), Alzire o gli americani (1736) e Maometto o il fanatismo (1741). Meno fortunate furono le sue commedie The Prodigal Son (1736) e Nanine or Prejudice Vanquished (1749). In questo periodo svolse un ruolo importante come divulgatore di Newton con i suoi Elements of Newton's Philosophy (1738). Alcuni componimenti, come il Poema di Fontenoy (1745), finirono per introdurlo a corte, per la quale svolse missioni diplomatiche per Federico II. Luigi XV lo nominò storiografo reale ed entrò nell'Accademia di Francia (1746). Ma non sempre riuscì ad attirare Madame de Pompadour, che proteggeva invece Prosper Jolyot de Crébillon; la sua rivalità con questo drammaturgo lo portò a cercare di screditarlo, trattando i suoi stessi temi: Semiramide (1748), Oreste (1750) e altri. La perdita di prestigio a corte e la morte di Madame du Châtelet (1749) spinsero Voltaire ad accettare l'invito di Federico II il Grande. Durante il suo soggiorno a Potsdam (1750-1753) scrisse Il secolo di Luigi XIV (1751) e continuò, con Micromégas (1752), la serie dei suoi racconti iniziata con Zadig (1748).

Dopo una violenta rottura con Federico II, si stabilì vicino a Ginevra, nella proprietà di "Les Délices" (1755): qui si scontrò con la rigida mentalità calvinista e infatti i suoi hobby teatrali e il capitolo dedicato a Miguel Servetus nel Saggio sui costumi (1756) scandalizzarono i ginevrini, rovinando anche l'amicizia di Rousseau. Il suo poema irrispettoso La donzella (1755), su Giovanna d'Arco, e il suo contributo all'Enciclopedia si scontrarono con il partito "devoto" dei cattolici. I frutti della sua crisi di pessimismo furono il Poema sul disastro di Lisbona (1756) e il romanzo breve Cándido o l'ottimismo (1759), uno dei suoi capolavori. Si stabilì nella tenuta Ferney, dove Voltaire visse per diciotto anni, divenendo il patriarca europeo delle lettere e il nuovo spirito critico; vi accolse l'élite dei principali paesi d'Europa, ne rappresentò le tragedie, mantenendo una copiosa corrispondenza e moltiplicando scritti polemici ed eversivi, allo scopo di "schiacciare gli infami", cioè il fanatismo clericale. Le opere principali di questo periodo furono il Trattato sulla tolleranza (1763) e il Dizionario filosofico (1764). Denunciò con veemenza le sentenze e le ingiustizie delle sentenze dei tribunali (casi Calas, Sirven e La Barre). Liberò dal tributo i suoi vassalli che poterono dedicarsi all'agricoltura e all'orologeria. Poco prima di morire, ricevette un'accoglienza trionfante a Parigi.

Nel 1791 le sue spoglie furono trasferite al Pantheon.


Frasi di Voltaire

Abbiamo un totale di 110 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Giudica un uomo dalle sue domande piuttosto che dalle sue risposte.


Le trovi comunque tutte qui di seguito.

Pagina:    1 - 2 - 3