Frasi di Ovidio

151/285

Il fiume nasce piccolo ma acquista vigore coll'andare e riceve molta acqua.

152/285

Nascitur exiguus sed opes acquirit eundo, quaque venit, multas accipit amnis aquas.

153/285

Ne' le ricchezze ne' la fama degli avi rendono grandi, ma l'onestà e l'ingegno.

154/285

Nec census nec clarum nomen avorum sed probitas magnos ingegnumque facit.

155/285

Non vede ne' le fronde nei boschi ne' l'acqua in un fiume in piena.

156/285

Nec frondes in silvis... nec pleno flumine cernit aquas.

157/285

Il difendere ciò che si è già raggiunto non è meno valido che il cercare di ottenere.

158/285

Nec minor est virtus quam quaerere parta tueri.

159/285

Non ti rincresca aver posto la tua mano sotto il mento.

160/285

Nec pigeat mento supposuisse manum.

161/285

L'ora passata non può tornare.

162/285

Nec quae praeteriit hora redire potest.

163/285

Non posso vivere con te ne' senza di te.

164/285

Nec sine te nec tecum vivere possum.

165/285

Non puoi sconfiggere i fiumi se nuoti contro l'impeto dell'onda.

166/285

Nec vincere possis flumina, si contra quam rapit unda nates.

167/285

Le viole e i gigli non sono sempre in fiore e della rosa, dopo che è sfiorita, rimane la dura spina.

168/285

Nec violae semper nec hiantia lilia florent, et riget amissa spina relicta rosa.

169/285

Sempre bramiamo le cose vietate e desideriamo quelle che ci sono negate.

170/285

Nimitur invetitum semper cupimusque negata.

171/285

La nobiltà è sottoposta all'amore.

172/285

Nobilitas sub amore iacet.

173/285

Regni e amore non stanno bene in compagnia.

174/285

Non bene cum sociis regna venusque manent.

175/285

Anche noi fiorimmo un giorno, ma quel fiore era destinato ad appassire.

176/285

Nos quoque floruimus sed flos erat ille caducus.

177/285

Non esiste erba che possa guarire l'amore.

178/285

Nullis amor est sanabilis herbis.

179/285

Ogni paese è patria per il forte come il mare per i pesci.

180/285

Omne solum forti patria est ut piscibus aequor.

181/285

Tutto cambia e anche noi cambiamo con le cose.

182/285

Omnia mutantur, nos et mutamur in illis.

183/285

Le cose migliori vengono rapite per prime da mani avare.

184/285

Optima prima fere manibus rapiuntur avaris.

185/285

Il riposo nutre il corpo e anche l'anima ne è rinfrancata.

186/285

Otia corpus alunt, animus quoque pascitur illis.

187/285

Parte della mia anima.

188/285

Pars animae meae.

189/285

Una piccola vipera uccide con un morso un grosso toro.

190/285

Parva necat morsu spatiosum vipera taurum.

191/285

L'invidia si nutre tra i vivi, si calma dopo la morte.

192/285

Pascitur in vivis livor, posta fata quiescit.

193/285

Ci sono tanti diversi animi quanti sono al mondo i diversi aspetti delle cose.

194/285

Pectoribus mores tot sunt quot in orbe figurae.

195/285

Sopporta e resisti: sopportasti mali molto più gravi.

196/285

Perfer et obdura: multo graviora tulisti.

197/285

Opponiti all'inizio: troppo tardi giunge la medicina quando lunghi indugi hanno dato vigore al male.

198/285

Principiis obsta: sero medicina paretur quam mala per longas convaluere moras.

199/285

Il toro che ora temi lo accarezzavi quand'era un vitello.

200/285

Quem taurum metuis, vitulum mulcere solebas.


Biografia di Ovidio