Frasi di Roberto Gervaso

151/769

I più bei sogni li ho chiusi in un cassetto di cui ho perduto la chiave.

152/769

Finchè c'è vita, ci sono guai.

153/769

Col passare degli anni, le donne mi sembrano sempre più donne e sempre meno femmine.

154/769

Nessuno è così virtuoso da preferire, in certi momenti, la virtù al vizio.

155/769

In nessuna "Compagnia" Gesù si sarebbe trovato peggio che in quella che porta il suo nome.

156/769

"Ricordati di osare sempre". Coraggio permettendo.

157/769

Guardo il cielo e Dio mi guarda.

158/769

Malinconia: tristezza al crepuscolo.

159/769

Più che delle sue possibilità, vive al di sopra della sua intelligenza.

160/769

È più facile provare rimorso per un tradimento non scoperto che per un'infedeltà smascherata.

161/769

Più lei allarga le gambe, più "lui" si allunga.

162/769

Temo di più chi guarda altrove che chi mi scruta.

163/769

Quanto egoismo nella bella donna che si fa amare da un solo uomo!

164/769

La morte ci fa più paura quando bussa alla porta che quando si siede al nostro capezzale.

165/769

Mi è più facile credere alla popolarità altrui che alla mia.

166/769

Il denaro, a differenza del letame, più aumenta e meno puzza.

167/769

Solo il vero ricco può vestirsi da straccione.

168/769

Non si è semiliberi come non si è semivergini.

169/769

È la coscienza dei nostri limiti che ci impedisce di superarli.

170/769

"L'amore è una cosa meravigliosa". Ma a una condizione: che sia corrisposto.

171/769

Mi è più facile capire i motivi di una sconfitta che di una vittoria.

172/769

La gente non ama guardarsi dentro per puara di riconoscersi.

173/769

L'accoppiamento soddisfa l'uomo più dell'onanismo perché gli dà l'illusione di essere meno solo.

174/769

Le avversità possono spezzare i corpi, ma tengono saldi i cuori.

175/769

L'italiano non crede in nulla, ma è sempre pronto a pentirsi di tutto.

176/769

Solo chi ne ha tanto può dire che il denaro non dà la felicità.

177/769

Il colmo per un'eminenza grigia? Essere bionda.

178/769

Solo una donna mi ha amato. Ma non ricordo più quale.

179/769

Ci sono donne che crediamo di amare, e donne che c'illudiamo ci amino.

180/769

Il Paradiso è pieno di santi che non hanno avuto abbastanza occasioni di peccare.

181/769

Il nostro giornalismo è fatto di buoni principi e di cattivi esempi, di buone lezioni e di cattivi maestri.

182/769

Ciò che per noi è importante, per gli altri è spesso insignificante.

183/769

A raccomandare la virtù sono i grandi santi e i grandi peccatori.

184/769

"Mi ami?" Una domanda da fare solo quando si è certi della risposta.

185/769

Niente aiuta tanto a vivere quanto la paura di morire.

186/769

Il tempo passa e, quando si ferma, è ormai troppo tardi.

187/769

"Ama il prossimo tuo come te stesso". Ma chi mi garantisce di essere corrisposto?

188/769

Il peggior nemico dell'uguaglianza è chi troppo enfaticamente la proclama.

189/769

Checché se ne dica, in certi casi la miglior vendetta è la vendetta.

190/769

La vita è niente, ma quando rischiamo di prederla, diventa tutto.

191/769

Una coppia che si è appena innamorata è altrettanto goffa di una coppia che, non amandosi più, si rivede.

192/769

"Impara l'arte e mettila da parte". Se ci riesci.

193/769

Il potere preferisce il ribaldo che ne abusa all'onesto che lo usa.

194/769

In amore, il geloso ha sempre la peggio. Ma è più forte di lui: se così non fosse, impazzirebbe. E il danno sarebbe ancora maggiore.

195/769

Ha dimenticato tutto di se stesso, ma ricorda tutto degli altri.

196/769

"Gli affari sono affari" è il motto di chi vuol farseli perdonare.

197/769

Non è un genio, ma preferisce passare per imbecille che per mediocre.

198/769

L'avaro ama il denaro più delle cose buone che potrebbe procurargli.

199/769

Preghiamo Dio anche se non esiste. Non si sa mai.

200/769

Le belle frasi in punto di morte le hanno sempre pronunciate i posteri.


Biografia di Roberto Gervaso