Frasi di Roberto Gervaso

51/770

Le apparenze ingannano solo che vive di apparenze.

52/770

L'ottimista, o ha capito tutto della vita, o non ha capito niente.

53/770

Quando certe donne perdono il pudore è ormai troppo tardi.

54/770

L'amplesso: "La posizione è ridicola, il piacere effimero, il costo spropositato" diceva lord Chesterfield. Ma se la posizione non fosse ridicola, non sarebbe così piacevole; se il piacere non fosse effimero, sarebbe insopportabile; quanto al costo, solo l'impotenza e la frigidità lo rendono spropositato.

55/770

"L'uomo nasce libero". Non è vero: nasce, e poi si vedrà.

56/770

È il ricordo del passato che ci fa piangere la morte di chi abbiamo amato, e ci ha amato.

57/770

Dite pure pane al pane e vino al vino, ma prima accertatevi che il pane non sia raffermo e il vino annacquato.

58/770

Il gay: un Diogene che ha trovato finalmente l'uomo.

59/770

Le chiacchiere sono il sale della stupidità.

60/770

Chi considera il sesso un peccato, o non sa cos'è il peccato o non ha mai conosciuto il vero sesso.

61/770

Se gli angeli avessero il sedere, forse non avrebbero le ali.

62/770

E se fossi già morto?

63/770

C'è che sfida la morte, chi la subisce, e chi l'accetta. Il primo non si accorge di morire, il secondo se ne accorge troppo, il terzo se ne accorge quanto basta per non meravigliarsene.

64/770

Nessuno, più dei nostri intellettuali impegnati, conosce l'arte del disimpegno.

65/770

Mantenuti da un amante, sì; da un amico, mai.

66/770

Quanto nostri intellettuali sputano nel piatto in cui mangiano solo per non pagare il conto!

67/770

Tutte le donne che si sono innamorate di me devono avermi scambiato per un altro, nel quale ho finito con il riconoscermi.

68/770

È dai quindici anni che non ho più vent'anni.

69/770

Non rileggo i miei libri per non essere obbligato a riscriverli.

70/770

Per aver voluto somigliare a tanti, non riesco a somigliare più nemmeno a me stesso.

71/770

Il sole ci dà il senso della vita; la luna, della sua precarietà.

72/770

L'uomo, agli occhi della donna, ha innanzitutto un dovere: rinunciare per lei ai propri diritti.

73/770

La donna ama l'uomo più per possederlo che per capirlo.

74/770

Non capisco quel che dico: sono troppo profondo.

75/770

Il successo è il riconoscimento dei propri meriti. Anche se usurpati.

76/770

Il goloso sa quello che non perde.

77/770

Orgasmo: un rantolo di vita.

78/770

Chi parla in nome di Dio può anche credere in Dio; chi parla in nome del popolo, finirà con il tradire il popolo.

79/770

Chi esercita il potere, tanto più è odiato, quanto più è invidiato.

80/770

Di santo, in Italia, è rimasto solo l'olio.

81/770

Solo la buona fede riscatta le promesse non mantenute.

82/770

Se Dio non avesse dato all'uomo la parola, non si sarebbero creati tanti equivoci.

83/770

L'amore rende ciechi anche i sordi.

84/770

L'aforisma è un lapillo dell'intelligenza.

85/770

La differenza tra la donna allegra e quella virtuosa è che la prima c'infonde buonumore, la seconda ce lo toglie.

86/770

Fra i grandi alleati dei persecutori, i conformisti sono sempre in prima linea.

87/770

La paura di star male mi fa star peggio.

88/770

Nulla, più del giornalismo, ci permette di approfondire la nostra superficialità.

89/770

Se fosse più intelligente, crederebbe di esserlo ancora di più.

90/770

La vita: un lungo viale alberato con tante ombre e qualche raggio di sole.

91/770

Il riposo eterno ci farà almeno risparmiare i sonniferi.

92/770

L'amor proprio è l'unica forma d'amore veramente eterna.

93/770

Quanto Io nel mio Io! Quasi quasi, non mi ci riconosco più.

94/770

Se sono di cattivo umore, il buonumore degli altri me lo rende pessimo.

95/770

Quanta mediocrità in tante nostre buone abitudini!

96/770

Vagando come un naufrago nel cielo stellato, la mia anima ritrova se stessa.

97/770

Ci sono sogni che non bisognerebbe mai fare per paura che non s'avverino.

98/770

L'ambizioso deve guardare avanti. Guai se alza gli occhi al cielo.

99/770

La grande nemica della fedeltà è l'abitudine; la sua grande alleata, la paura.

100/770

Per credere in Dio basta far bene il proprio dovere.


Biografia di Roberto Gervaso