Frasi di Elias Canetti

101/116

Ogni frase può avere il suo effetto, anche la più dimenticata, anche fra mille anni.

102/116

Se vuoi essere felice, non andare sempre fino in fondo. C'è tanto anche in mezzo!

103/116

Che Dio sia morto o no, è impossibile tacerne: c'è stato per tanto tempo.

104/116

La cosa più dura: tornar sempre a scoprire ciò che già si sa.

105/116

La cosa più insopportabile sarebbe un Dio che fosse come l'uomo se lo augura.

106/116

Nessun sogno è mai stato così insensato come la sua spiegazione.

107/116

Quello che era timor di Dio è diventato timore di Dio nei nostri confronti, e questo suo timore è così grande che Dio si tiene nascosto e nessuno lo trova più.

108/116

La fama rastrella il doppio di ciò che l'invidia ha potato.

109/116

Coloro che non s'adeguano sono il sale della terra, il colore della vita, condannano se stessi all'infelicità, ma sono la nostra felicità.

110/116

Una madre è contenta di essere niente altro che una madre; ma dove troveresti un'altra persona che è soddisfatta con questo solo ruolo?

111/116

Forse neanche un solo uomo è degno di avere un bambino.

112/116

Dio stesso ha istigato il serpente contro Adamo ed Eva, e tutto è disceso dal fatto che il serpente non lo tradì. Quell'animale velenoso è rimasto fino a oggi fedele a Dio.

113/116

L'uomo migliore non sarebbe colui che ha meno bisogni, bensì colui che, per mezzo di ciò di cui ha bisogno, regala di più.

114/116

Se si sapesse di più del futuro, il passato sarebbe ancora più pesante.

115/116

Quand'anche potessi credere, sarei ancora ben lungi dal poter pregare. Il pregare continuerebbe a sembrarmi il modo più sfacciato di seccare Dio, il peccato più nauseante di tutti, e dovrei intercalare ogni preghiera con lunghi periodi di espiazione.

116/116

Solo l'incredulo ha diritto al miracolo.


Biografia di Elias Canetti