Frasi di Aristotele

51/134

Ci si dovrebbe comportare con i propri amici come noi vorremmo che si comportassero con noi.

52/134

Contro chi solleva delle obiezioni a proposito di tutto bisogna schierarsi con ogni mezzo.

53/134

Cos'è un amico? Una singola anima che vive in due corpi.

54/134

Dio è troppo perfetto per poter pensare ad altro che a se stesso.

55/134

Dopo che le abilità pratiche si svilupparono a sufficienza per rispondere adeguatamente ai bisogni materiali, una delle scienze non dedicata a fini utilitaristici [la matematica] poté sorgere in Egitto, dato che la casta dei sacerdoti ebbe il tempo libero necessario per la ricerca disinteressata.

56/134

Dopo essersi accoppiato ogni animale è triste.

57/134

È bene, nella vita come ad un banchetto, non alzarsi né assetati né ubriachi.

58/134

È possibile fallire in molti modi, mentre riuscire è possibile in un modo soltanto.

59/134

Essere irragionevoli è un diritto umano.

60/134

Deficere est iuris gentium.

61/134

Gli Ateniesi hanno inventato il frumento e le leggi: del frumento hanno poi sempre fatto uso, delle leggi mai.

62/134

Gli inferiori si ribellano per essere uguali e gli uguali per essere superiori. Questo è lo stato d'animo da cui nascono le rivoluzioni.

63/134

Gli schiavi e gli animali domestici sono quasi uguali e rendono su per giù gli stessi servizi. La natura stessa vuole la schiavitù, perché fa differenti i corpi degli uomini liberi da quelli degli schiavi: gli schiavi col vigore che richiedono i lavori a cui sono predestinati, gli uomini liberi incapaci di curvare la loro diritta statura a opere servili e adatti, invece, alla vita politica e alle occupazioni guerresche o pacifiche. Dunque gli uomini sono liberi o schiavi per diritto di natura: la cosa è evidente. Utile agli stessi schiavi, la schiavitù è giusta.

64/134

Gli uomini acquisiscono qualità particolari agendo costantemente in modi particolari.

65/134

Gli uomini creano gli dèi a propria immagine, non solo riguardo alla loro forma, ma anche al loro modo di vivere.

66/134

Gli uomini non diventano tiranni per non prendere freddo.

67/134

I malvagi obbediscono per paura; i buoni, per amore.

68/134

I malvagi sono colmi di pentimento.

69/134

Il male riunisce gli uomini insieme.

70/134

Il proverbio è un avanzo dell'antica filosofia, conservatosi fra molte rovine per la sua brevità ed opportunità.

71/134

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza del dolore, non il piacere.

72/134

Il saggio non si espone al pericolo senza motivo, poiché sono poche le cose di cui gl'importi abbastanza; ma è disposto, nelle grandi prove, a dare perfino la vita, sapendo che a certe condizioni non vale la pena di vivere.

73/134

Il vero sapere è conoscere le cause.

74/134

In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso.

75/134

L'abitudine è quasi una seconda natura.

76/134

L'educazione è il miglior preparativo per la vecchiaia.

77/134

L'oggettività del pensiero è vita.

78/134

L'uomo è responsabile delle proprie azioni.

79/134

La bellezza è la miglior lettera di raccomandazione.

80/134

La cattiva sorte ci mostra chi non sono i veri amici.

81/134

La comunità politica migliore è formata da cittadini della classe media.

82/134

La cultura è il miglior viatico per la vecchiaia.

83/134

La cultura è un ornamento nella buona sorte ma un rifugio nell'avversa.

84/134

La dignità non consiste nel possedere onori, ma nella coscienza di meritarli.

85/134

La felicità non è nei beni fuori di noi.

86/134

La filosofia è la scienza che ha per oggetto la verità.

87/134

La filosofia non serve a nulla, dirai; ma sappi che proprio perché priva del legame di servitù è il sapere più nobile.

88/134

La gratitudine è un sentimento che invecchia presto.

89/134

La legge è ordine, e una buona legge significa un ordine giusto.

90/134

La libertà è la base di uno stato democratico.

91/134

La sofferenza è cosa bellissima a vedersi in uno che sopporta serenamente una grande sventura, e ciò non perché sia un'insensibile ma piuttosto per la grandezza dell'animo suo.

92/134

La speranza è un sogno ad occhi aperti.

93/134

Le rivoluzioni non sono sciocchezze, ma dalle sciocchezze hanno origine.

94/134

Lo scopo del lavoro è quello di guadagnarsi il tempo libero.

95/134

Lo studio è la miglior previdenza per la vecchiaia.

96/134

Non esiste grande genio senza una dose di follia.

97/134

Non si potrà mai dimostrare una proposizione di una certa scienza mediante un'altra scienza.

98/134

Onore e piacere e intelligenza e ogni virtù li scegliamo, sì, anche per se stessi (sceglieremmo infatti ciascuno di questi beni anche se non ne derivasse nient'altro), ma li scegliamo anche in vista della felicità, perché è per loro mezzo che pensiamo di diventar felici.

99/134

Persino quando una legge viene scritta non è assicurato il fatto che rimanga invariata.

100/134

Platone è mio amico, ma la verità è ancora più mia amica.


Biografia di Aristotele