Frasi di Paul Tillich

51/84

We can speak without voice to the trees and the clouds and the waves of the sea. Without words they respond through the rustling of leaves and the moving of clouds and the murmuring of the sea.

52/84

Esiste un terzo elemento nella fede assoluta, l'accettazione dell'essere accettati.

53/84

There is a third element in absolute faith, the acceptance of being accepted.

54/84

Un sé che è diventato una questione di calcolo e di gestione ha cessato di essere un sé. È diventata una cosa. Devi partecipare a un sé per sapere cos'è.

55/84

A self which has become a matter of calculation and management has ceased to be a self. It has become a thing. You must participate in a self in order to know what it is.

56/84

La nevrosi è il modo per evitare il non-essere evitando di essere.

57/84

Neurosis is the way of avoiding non-being by avoiding being.

58/84

Le tendenze conservatrici delle chiese ufficiali non sono mai riuscite a sopprimere la tendenza del cristianesimo al sovvertimento della storia.

59/84

La noia è rabbia diffusa sottilmente.

60/84

Boredom is rage spread thin.

61/84

Anche la solitudine non è solitudine assoluta perché i contenuti dell'universo sono in lui.

62/84

Even loneliness is not absolute loneliness because the contents of the universe are in him.

63/84

Ogni cosa finita possiede un certo proprio potere di essere e quindi possiede una capacità di futuro.

64/84

Every finite thing possesses a certain power of being of its own and thus possesses a capacity for fate.

65/84

L'uomo è in definitiva preoccupato di ciò che determina il suo destino ultimo al di là di ogni necessità e accidente preliminare.

66/84

Man is ultimately concerned about that which determines his ultimate destiny beyond all preliminary necessities and accidents.

67/84

Il confine è il luogo migliore per acquisire conoscenza.

68/84

Cinicamente parlando si potrebbe dire che essere cinici riguardo alla vita significa essere sinceri nei suoi confronti.

69/84

Essere religiosi significa interrogarsi appassionatamente sul senso della nostra vita ed essere aperti alle risposte, anche se esse ci scuotono in profondità.

70/84

Un atto morale non è un atto di obbedienza ad una legge esterna, umana o divina; invece è l'innata legge del nostro vero essere e della nostra natura essenziale e creata, che ci chiede di realizzare ciò che proviene da essa.

71/84

L'uomo è infinitamente preoccupato per l'infinito a cui appartiene, da cui è separato e per il quale anela.

72/84

Man is infinitely concerned about the infinity to which he belongs, from which he is separated, and for which he is longing.

73/84

La vita non potrebbe continuare se non si gettasse il passato nel passato, liberando il presente dal suo peso.

74/84

La religione è la sostanza della cultura, la cultura è la forma della religione.

75/84

La religione è il fatto di essere presi da un interesse ultimo.

76/84

L'elemento più importante è l'esperienza del potere dell'essere che è presente anche di fronte alla manifestazione più radicale del non essere.

77/84

The first element is the experience of the power of being which is present even in the face of the most radical manifestation of non being.

78/84

Il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe e il Dio dei filosofi è lo stesso Dio.

79/84

The God of Abraham, Isaac, and Jacob and the God of the philosophers is the same God.

80/84

L'uomo è estraneo a ciò che è essenzialmente. La sua esistenza in un mondo transitorio contraddice la sua partecipazione essenziale al mondo eterno delle idee.

81/84

Man is estranged from what he essentially is. His existence in a transitory world contradicts his essential participation in the eternal world of ideas.

82/84

La passione per la verità viene zittita da risposte che hanno il peso dell'autorità indiscussa.

83/84

La religione è la sostanza, il fondamento e la profondità della vita spirituale dell'uomo.

84/84

La dimensione religiosa dell'imperativo morale è il suo carattere incondizionato.


Biografia di Paul Tillich