Frasi di Ovidio

1/284

Spesso il cinghiale è tenuto a bada da un cane non grande.

2/284

A cane non magno saepe tenetur aper.

3/284

Le azioni dei mortali mai ingannano gli dei.

4/284

Acta deos numquam mortalia falunt.

5/284

La tua messe è ancora in erba.

6/284

Adhuc tua messis in herba est.

7/284

La semplicità, cosa rarissima ai nostri tempi.

8/284

Aevo rarissima nostro simplicitas

9/284

Dare mele ad Alcinoo.

10/284

Alcinoo poma dare.

11/284

Non sai che i re hanno le mani lunghe?

12/284

An nescis longas regibus esse manus?

13/284

Portare acqua al mare.

14/284

Aquas in mare fundere.

15/284

È l'esperienza che rende artisti.

16/284

Artifices qui facit usus adest.

17/284

L'autore loda la sua opera.

18/284

Auctor opus laudat.

19/284

Bisogna osare: Venere stessa aiuta i coraggiosi.

20/284

Audendum est: fortes adiuvat ipsa Venus.

21/284

Questa è davvero l'età dell'oro.

22/284

Aurea sunt vere nunc saecula.

23/284

L'amore è procurato dall'oro.

24/284

Auro conciliatur amor.

25/284

O non tentare o condurre a termine.

26/284

Aut non temptaris aut perfice.

27/284

Qui sono un barbaro che non è compreso da nessuno.

28/284

Barbarus hic ego sum, qui non intellegor ulli.

29/284

Gli altri facciano le guerre, Protesilao faccia l'amore.

30/284

Bella gerant alii! Protesilaus amet!

31/284

Ha vissuto bene chi ha vissuto nascosto.

32/284

Bene qui latuit, bene vixit.

33/284

Trasformare il nero in bianco e il bianco in nero.

34/284

Candida de nigris et de candentibus atra... facere.

35/284

È casta colei che nessuno ha richiesto.

36/284

Casta est quam nemo rogavit.

37/284

La causa cattiva diventa peggiore col volerla difendere.

38/284

Causa patrocinio non bona peior erit.

39/284

Usare speroni con un cavallo veloce.

40/284

Celeri subdere calcaria equo.

41/284

Vedi come le acque imputridiscono se non si muovono.

42/284

Cernis ut capiant vitium, ni moveantur aquae.

43/284

Prendo lo scudo dopo essere stato già ferito.

44/284

Clipeum post vulnera sumo.

45/284

La retta coscienza ride delle menzogne della fama.

46/284

Conscia mens recti famae mendacia risit.

47/284

Ognuno si preoccupa di ciò che gli piace.

48/284

Curae sua cuique voluptas.

49/284

La curia è chiusa per i poveri.

50/284

Curia pauperibus clausa est.


Biografia di Ovidio