Frasi di Orazio

151/243

Quando arde la casa vicina, porta l'acqua a casa tua.

152/243

Tua res agitur, paries cum proximus ardet.

153/243

La virtù è il punto medio equidistante tra due difetti.

154/243

Virtus est medium vitiorum et utrimque reductum.

155/243

Lo creda l'ebreo Apella!

156/243

Credat judeus Apella!

157/243

Perchè per una non giusta vergogna preferisco non sapere che imparare?

158/243

Cur nescire pudens prave quam discere malo?

159/243

Ha il fieno sulle corna; fuggi via!

160/243

Foenum habet in cornu; longe fuge!

161/243

Costui è l'anima nera, o romano, guardati da lui!

162/243

Hic niger est, hunc tu, romane, caveto!

163/243

Uomo giusto e tenace nei propositi.

164/243

Iustum et tenacem propositi virum.

165/243

Morì colui che poteva essere pianto da molti buoni.

166/243

Multis ille bonis flebilis occidit.

167/243

La felce da bruciare cresce nei campi non coltivati.

168/243

Neglectis urenda filix innascitur agris.

169/243

Ha avuto l'approvazione generale chi ha unito l'utile al dilettevole.

170/243

Omne tulit punctum qui miscuit utile dulci.

171/243

Fuggire la povertà per mare, tra le rocce e in mezzo al fuoco.

172/243

Per mare pauperiem fugiens, per saxa, per ignis.

173/243

Per qualsiasi follia dei re sono colpiti gli Achei.

174/243

Quidquid delirant reges, plectuntur achivi.

175/243

Se volete scrivere scegliete un argomento pari alle vostre forze.

176/243

Sumite materiam vestris qui scritibus aequam viribus.

177/243

La poesia è come la pittura.

178/243

Ut pictura poesis.

179/243

Distinguere il retto dal curvo.

180/243

Curvo dinoscere rectum.

181/243

La stirpe e il valore, se non sono uniti alla ricchezza, valgono meno di un'alga.

182/243

Et genus et virtus, nisi cum re, vilior alga est.

183/243

Si commettono peccati sia dentro che fuori della mura di Troia.

184/243

Iliacos intra muros peccatur et extra.

185/243

Il denaro comanda o ubbidisce a chi l'ha accumulato.

186/243

Imperat aut servit collecta pecunia cuique.

187/243

Nulla è felice in tutti i suoi aspetti.

188/243

Nihil est ab omni parte beatum.

189/243

Come un cieco che voglia indicare la strada.

190/243

Ut si caecus iter monstrare velit.

191/243

Dall'uovo alle mele.

192/243

Ab ovo usque ad mala.

193/243

Buono e affidabile è il giudice che antepone l'onestà all'utile personale.

194/243

Bonus atque fidus
iudex honestum praetulit utili.

195/243

Gli sciocchi, cercando di evitare i vizi, vanno incontro a quelli opposti.

196/243

Dum vitant stulti vitia, in contraria currunt.

197/243

E un tempo sopportai mali peggiori.

198/243

Et quondam maiora tuli.

199/243

Questo perdono noi chiediamo e diamo a vicenda.

200/243

Hanc veniam petimusque damusque vicissim.


Biografia di Orazio