Frasi di Orazio

51/243

Al piccolo si adattano le cose piccole.

52/243

Parvum parva decent.

53/243

Dio nasconde prudentemente in una notte caliginosa gli eventi futuri.

54/243

Prudens futuri temporis exitum caliginosa nocte premit deus.

55/243

Tutto ciò che è sotto terra tornerà col tempo alla luce.

56/243

Quidquid sub terra est, in apricum proferet aetas.

57/243

Cogliamo, amici, l'occasione all'istante.

58/243

Rapiamus, amici, occasionem de die.

59/243

I delitti piccoli sono puniti, quelli grandi portati in trionfo.

60/243

Sacrilegia minuta puniuntur, magna in triumphis feruntur.

61/243

Hai lo sguardo acuto come quello dell'aquila.

62/243

Tam cernis acutum, quam aquila.

63/243

L'uso in balia del quale sono l'arbitrio, la legge e la regola del parlare.

64/243

Usus quem penes arbitrium est et ius norma loquendi.

65/243

La brevità della vita ci impedisce di nutrire lunghe speranze.

66/243

Vitae summa brevis spem nos vetat inchoare longam.

67/243

Ricordati di mantenere l'animo sereno nelle avversità.

68/243

Aequam memento rebus in arduis servare mentem.

69/243

L'amore fugge la sterile vecchiaia.

70/243

Arida pellentes lascivos amores canitie.

71/243

Il cielo, non l'indole, cambiano coloro che attraversano velocemente il mare.

72/243

Caelum non animum mutant qui trans mare currunt.

73/243

All'uomo degno di lode le Muse impediscono di morire.

74/243

Dignum laude virum musa vetat mori.

75/243

È dolce e onorevole morire per la patria.

76/243

Dulce et decorum est pro patria mori.

77/243

Colui che ha esperienza teme.

78/243

Expertus metuit.

79/243

Ciò era negli auspici.

80/243

Hoc erat in votis.

81/243

Levo le corna contro i malvagi.

82/243

In malus tollo cornua.

83/243

Noto ai cisposi e ai barbieri.

84/243

Lippis notum et tonsoribus.

85/243

Niente è migliore della vita da celibe.

86/243

Malius nil caelibe vita.

87/243

Le feroci aquile non generano mai una pacifica colomba.

88/243

Neque imbellem feroces progenerant aquilae columbam.

89/243

A noi tutti rimane una sola notte.

90/243

Omnes una manet nox.

91/243

Peggio dei serpenti dell'Africa.

92/243

Peior serpentibus afris.

93/243

Considera di frequente che cosa dici, con chi e di chi.

94/243

Quid, de quoque viro et cui dicas, saepe videto.

95/243

Mescolare il sacro ed il profano.

96/243

Sacra miscere profanis.

97/243

L'avaro ha sempre dei bisogni.

98/243

Semper avarus eget.

99/243

Tu la pietanza procuratela col sudore.

100/243

Tu pulmentaria quaere sudando.


Biografia di Orazio