Frasi di Orazio

1/243

Pulvis et umbra sumus.

2/243

Carpe diem.

3/243

Cogli l'attimo.

4/243

Siamo polvere e ombra.

5/243

Il cane che guastò la pelle unta d'olio non se ne astiene più.

6/243

Canis a corio numquam absterrebitur uncto.

7/243

Cenava... con ciò che sarebbe stato sufficiente a tre orsi.

8/243

Cenabat... tribus ursis quod satis esset.

9/243

Chi ha cominciato ha compiuto metà dell'opera.

10/243

Dimidium facti qui coepit habet.

11/243

Trasporta l'uditorio nel mezzo della narrazione come se le premesse fossero note.

12/243

Et in medias res non secusa ac notas auditorem rapit.

13/243

Tacete!

14/243

Favete linguis!

15/243

Uno stomaco raramente digiuno disprezza i cibi volgari.

16/243

Ieiunus raro stomachus vulgaria temnit.

17/243

La morte raggiunge anche l'uomo che fugge.

18/243

Mors et fugacem persequitur virum.

19/243

La parola detta non può tornare indietro.

20/243

Nescit vox missa revertit.

21/243

O uomini forti, che spesso avete affrontato con me mali ancora maggiori, scacciate col vino le preoccupazioni.

22/243

O fortes peioraque passi mecum saepe viri, nunc vino pellite curas.

23/243

La pallida morte bussa allo stesso modo ai tuguri dei poveri e ai palazzi dei re.

24/243

Pallida mors aequo pulsat pede pauperum tabernas regumque turres.

25/243

La capretta degli altri ha la mammella più gonfia.

26/243

Aliena capella gerat distentius uber.

27/243

Beato chi lontano dagli affari,
come l'antica generazione dei mortli,
lavora i campi paterni coi suoi buoi,
privo di debiti.

28/243

Beatus ille qui procul negotiis
ut prisca gens mortalium
paterna rura bobus exercet suis
solutus omni foenore.

29/243

Mi sforzo di essere conciso, divento oscuro.

30/243

Brevis esse laboro, obscurus fio.

31/243

Facile come la cera a volgere verso il vizio.

32/243

Cereus in vitium flecti.

33/243

La punizione incalza la colpa.

34/243

Culpam poena premit comes.

35/243

Una lettura che sia piaciuta, piacerà anche se ripetuta dieci volte.

36/243

Lectio quae placuit semel, decies repetita placebit.

37/243

La morte è l'estremo limite delle cose.

38/243

Mors ultima linea rerum est.

39/243

Mi adopero non di servire alle cose, ma di farle mie serve.

40/243

Mihi res, non me rebus subiungere conor.

41/243

Nuoterai senza sughero.

42/243

Nabis sine cortice.

43/243

Non è concesso di sapere tutto.

44/243

Nec scire fas est omnia.

45/243

Non era il momento.

46/243

Non erat hic locus.

47/243

Imitatori, gregge di servi!

48/243

O imitatores, servum pecus!

49/243

Oh, campi, quando vi rivedrò!

50/243

O rus, quando ego te adspiciam!


Biografia di Orazio