Biografia di Isaac Newton

Isaac Newton
Nazione: Regno Unito    
Isaac Newton nacque a Woolsthorpe-by-Colsterworth, Inghilterra il 25 dicembre 1642 e morì a Londra il 20 marzo 1726. Fu matematico, fisico, astronomo, filosofo naturale, teologo, storico e alchimista.

Figlio di un contadino morto tre mesi prima della sua nascita, trascorse la maggior parte dei suoi primi anni di vita con la nonna materna dopo che la madre si era risposata. La sua educazione fu interrotta da un tentativo fallito di trasformarlo in un agricoltore; successivamente frequentò la King's School di Grantham prima di iscriversi al Trinity College dell'Università di Cambridge nel 1661. A Cambridge studiò un curriculum classico, ma rimase affascinato dalle opere di filosofi moderni come René Descartes, dedicando persino una serie di appunti alle sue letture esterne che intitolò Quaestiones Quaedam Philosophicae ("Alcune questioni filosofiche"). Quando la Grande Peste chiuse Cambridge nel 1665, tornò a casa e iniziò a formulare le sue teorie sul calcolo, sulla luce e sui colori, e la sua fattoria fu lo scenario della presunta mela che cade e che ispirò il suo lavoro sulla gravità.
Tornò a Cambridge nel 1667 e fu eletto minor fellow. Nel 1668 costruì il primo telescopio a riflessione e l'anno successivo ottenne il Master of Arts e divenne professore lucasiano di matematica a Cambridge. Invitato a dare una dimostrazione del suo telescopio alla Royal Society di Londra nel 1671, l'anno successivo fu eletto membro della Royal Society e pubblicò le sue note sull'ottica per i suoi colleghi. Grazie ai suoi esperimenti sulla rifrazione, determinò che la luce bianca era un composto di tutti i colori dello spettro e affermò che la luce era composta da particelle anziché da onde. I suoi metodi attirarono un brusco rimprovero da parte di Robert Hooke, membro della Società, che fu di nuovo severo con il suo documento successivo nel 1675.
Conosciuto per il suo temperamento e per la difesa del suo lavoro, intraprese un'accesa corrispondenza con Hooke prima di soffrire di un esaurimento nervoso e ritirarsi dalla scena pubblica nel 1678. Negli anni successivi tornò ai suoi studi precedenti sulle forze di gravità e si dedicò all'alchimia. Nel 1684, l'astronomo inglese Edmund Halley fece visita all'appartato Newton. Venuto a sapere che Newton aveva elaborato matematicamente i percorsi ellittici dei corpi celesti, Halley lo esortò a organizzare i suoi appunti. Il risultato fu la pubblicazione, nel 1687, dei Philosophiae Naturalis Principia Mathematica (Principi matematici di filosofia naturale), che stabilirono le tre leggi del moto e la legge di gravità universale: questo lo portò alla ribalta nei circoli intellettuali, guadagnandosi il plauso universale come una delle opere più importanti della scienza moderna. Il suo lavoro è stato una parte fondamentale dell'Illuminismo europeo.
Grazie alla sua nuova influenza, si oppose ai tentativi del re Giacomo II di ripristinare gli insegnamenti cattolici nelle università inglesi. Il re Giacomo II fu sostituito dalla figlia protestante Maria e dal marito Guglielmo d'Orange nell'ambito della Gloriosa Rivoluzione del 1688, e il matematico fu eletto a rappresentare Cambridge in Parlamento nel 1689.
Si trasferì definitivamente a Londra dopo essere stato nominato direttore della Zecca Reale nel 1696, ottenendo la promozione a maestro della Zecca tre anni dopo. Deciso a dimostrare che la sua posizione non era puramente simbolica, spostò la sterlina inglese dallo standard d'argento a quello d'oro e cercò di punire i falsari. La morte di Hooke nel 1703 permise a Newton di assumere la presidenza della Royal Society e l'anno successivo pubblicò la sua seconda opera importante, Opticks. Composto in gran parte dai suoi appunti precedenti sull'argomento, il libro descrive in dettaglio i minuziosi esperimenti di Newton sulla rifrazione e sullo spettro dei colori, concludendo con le sue riflessioni su questioni come l'energia e l'elettricità. Nel 1705 fu nominato cavaliere dalla regina Anna d'Inghilterra.
Fu anche un ardente studente di storia e di dottrine religiose, e i suoi scritti su questi argomenti sono stati raccolti in più libri pubblicati postumi. Non essendosi mai sposato, trascorse gli ultimi anni vivendo con la nipote a Cranbury Park, vicino a Winchester, in Inghilterra.

Morì nel sonno e fu sepolto nell'Abbazia di Westminster.


Frasi di Isaac Newton

Abbiamo un totale di 1 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

If I have seen further it is by standing on ye sholders of Giants.


Leggi le frasi di Isaac Newton