Biografia di Charles Baudelaire

Charles Baudelaire
Nazione: Francia    
Charles Pierre Baudelaire nacque a Parigi il 9 aprile 1821 e morì a Parigi il 31 agosto 1867. Fu scrittore, saggista, filosofo e poeta.

Nacque da Francois Baudelaire, un anziano funzionario e artista dilettante, e sua moglie, Caroline. Dopo la morte di Francois, nel 1827, Caroline sposò il tenente colonnello Jacques Aupick, che in seguito divenne un importante ambasciatore.
Da giovane, studiò legge al Lycée Louis-le-Grand. Insoddisfatto della sua scelta di professione, iniziò a bere ogni giorno, frequentare prostitute e a indebitarsi considerevolmente. Dopo aver conseguito la laurea nel 1839 intraprese una carriera letteraria anziché di avvocatura.

Nel 1841, il patrigno lo inviò in un viaggio in India, nel tentativo di reindirizzare l'energia del suo figliastro. I temi del mare, della vela e dei porti esotici che apparvero nella poesia successiva furono in gran parte ispirati da questa esperienza. Al suo ritorno a Parigi, divenne amico di altri autori e artisti. Iniziò anche una relazione con Jeanne Duval. Quando i suoi genitori rifiutarono questa unione tentò il suicidio.
Iniziò presto a pubblicare i suoi scritti: la sua prima opera fu una rivista d'arte del 1845, che attirò attenzione immediata. Molte delle sue opinioni critiche, tra cui la sua difesa di Delacroix, erano audaci e profetiche. Nel 1846, scrisse la sua seconda rassegna artistica, affermandosi come un sostenitore del romanticismo.

Lottò con la cattiva salute e con i debiti pressanti per tutta la sua vita adulta. Si mosse spesso per sfuggire ai creditori, rendendo difficile dedicarsi a un progetto. Tuttavia, riuscì a tradurre storie di Edgar Allan Poe, che ammirava molto, oltre a scrivere le opere di poesia per le quali sarebbe diventato noto: Les fleurs du mal.
Nel 1859 iniziò a soffrire di una serie di condizioni croniche, causate dallo stress e dal suo uso a lungo termine del laudano, una forma di oppio. Il suo rapporto di lunga data con Jeanne Duval e le relazioni con l'attrice Marie Daubrun e la cortigiana Apollonie Sabatier, fornirono ispirazione ma nessuna compagnia duratura. Visse con sua madre per un breve periodo verso la fine della sua vita, producendo tra le altre opere la poesia Le Voyage. Alla fine, le difficoltà finanziarie lo spinsero a lasciare la sua casa: nel 1864 partì per il Belgio, sperando di raccogliere abbastanza soldi per pagare i suoi debiti.

Subì un ictus nel 1866: gli ultimi mesi della sua vita li trascorse semi-paralizzato a Bruxelles e Parigi, dove morì. Fu sepolto nel cimitero di Montparnasse a Parigi. Molte delle sue opere furono pubblicate postume, permettendo a sua madre di risolvere i suoi debiti.


Frasi di Charles Baudelaire

Abbiamo un totale di 5 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Se non è morbosa, ossessiva,
invadente, travolgente...
la passione è solo un'idea.


Leggi le frasi di Charles Baudelaire