Biografia di Edgar Allan Poe

Edgar Allan Poe
Nazione: Stati Uniti d'America    
Edgar Allan Poe nacque il 19 gennaio 1809 a Boston, Massachusetts e morì il 7 ottobre 1849 a Baltimora, Maryland. Fu uno scrittore, poeta, critico letterario, giornalista, editore e saggista.

Figlio dell'attrice di origine inglese Elizabeth Arnold Poe e David Poe, Jr., un attore di Baltimora, dopo che sua madre morì a Richmond nel 1811, fu portato a casa di John Allan, un commerciante di Richmond (presumibilmente il suo padrino), e della moglie senza figli. Successivamente fu portato in Scozia e in Inghilterra fino al 1820, dove ricevette un'istruzione classica. Per 11 mesi nel 1826 frequentò l'Università della Virginia, ma le sue perdite al gioco irritarono così tanto il suo tutore che si rifiutò di lasciarlo continuare, e tornò a Richmond per trovare la sua fidanzata, (Sarah) Elmira Royster.

Successivamente tornò a Boston, dove nel 1827 pubblicò un opuscolo di poesie giovanili di Byron, Tamerlano e altre poesie. La povertà lo costrinse ad arruolarsi nell'esercito con il nome di Edgar A. Perry, ma, alla morte della madre adottiva di Poe, John Allan acquistò il suo rilascio dall'esercito e lo aiutò a ottenere un appuntamento all'Accademia militare degli Stati Uniti a West Point. Prima di partire, pubblicò un nuovo volume a Baltimora, Al Aaraaf, Tamerlane e Minor Poems (1829). Cercò con successo l'espulsione dall'accademia, dove disertò tutte le esercitazioni e le lezioni per una settimana. Si recò a New York City e pubblicò un volume di poesie, contenente diversi capolavori, alcuni dei quali mostrano l'influenza di John Keats, Percy Bysshe Shelley e Samuel Taylor Coleridge. Poi tornò a Baltimora, dove iniziò a scrivere storie.

Nel 1833 il suo MS. Found in a Bottle vinse 50 dollari da un settimanale di Baltimora e nel 1835 divenne redattore del Southern Literary Messenger di Richmond. Lì si fece un nome come recensore critico e sposò la sua giovanissima cugina Virginia Clemm, che aveva solo 13 anni. Sembra che Poe fosse un marito e un genero affettuoso.

Licenziato dal suo lavoro a Richmond, apparentemente per aver bevuto, andò a New York City: purtroppo l'alcool fu la rovina della sua vita. Per parlare bene in una grande compagnia aveva bisogno di un leggero stimolante, ma un bicchiere di sherry poteva dargli una baldoria; e sebbene raramente si ubriacasse, veniva spesso visto in pubblico quando lo faceva. Ciò diede origine alla congettura che Poe fosse un tossicodipendente, ma secondo la testimonianza medica ebbe una lesione cerebrale. A New York City nel 1838 pubblicò un lungo racconto in prosa, The narrative of Arthur Gordon Pym, combinando (come spesso accade nei suoi racconti) molto materiale fattuale con le fantasie più selvagge. Fu considerato fonte di ispirazione per Moby Dick di Herman Melville. Nel 1839 divenne coeditore del Burton's Gentleman's Magazine di Filadelfia con un contratto mensile; ciò lo stimolò a scrivere William Wilson e The fall of the House of Usher, storie di orrore soprannaturale. Quest'ultimo contiene uno studio di un nevrotico noto per essere stato un suo conoscente. Più tardi, nel 1839, apparvero I racconti del grottesco e dell'arabesco di Poe (datati 1840). Si dimise da Burton's intorno al giugno 1840, ma tornò nel 1841 per pubblicare il suo successore, Graham's Lady's and Gentleman's Magazine, in cui pubblicò The Murders in the Rue Morgue, il primo romanzo poliziesco. Nel 1843 il suo The Gold Bug vinse un premio di $ 100 dal Philadelphia Dollar Newspaper, che gli diede grande pubblicità. Nel 1844 tornò a New York, scrisse The Balloon Hoax per il Sun e divenne sub-editore del New York Mirror sotto NP Willis, da allora in poi rimase suo amico per tutta la vita. Nel New York Mirror del 29 gennaio 1845 apparve, dai fogli anticipati dell'American Review, la sua poesia più famosa, The Raven, che gli diede subito fama nazionale. Poe divenne poi editore del Broadway Journal, un settimanale di breve durata, in cui ripubblicò la maggior parte dei suoi racconti, nel 1845. Il suo The Raven e una selezione dei suoi Tales uscirono nel 1845, e nel 1846 Poe si trasferì in un cottage a Fordham (ora parte di New York City), dove scrisse per Godey's Lady's Book (da maggio a ottobre 1846) The Literati of New York City —schizzi pettegoli su personalità dell'epoca, che portarono a una causa per diffamazione.

La moglie, Virginia, morì nel gennaio 1847. L'anno successivo andò a Providence per corteggiare Sarah Helen Whitman, una poetessa. Ci fu un breve fidanzamento. Ebbe legami stretti, ma platonici, con Annie Richmond e con Sarah Anna Lewis, che lo aiutarono finanziariamente. Compose omaggi poetici a tutte loro. Nel 1848 pubblicò anche la conferenza Eureka, una "spiegazione" trascendentale dell'universo, che fu salutata come un capolavoro da alcuni critici e come una sciocchezza da altri. Nel 1849 andò a Richmond, dove alla fine si fidanzò con Elmira Royster, vedova Shelton, e trascorse un'estate felice con solo una o due ricadute nell'alcool. Iniziò ad avere dei presentimenti di morte quando lasciò Richmond per Baltimora alla fine di settembre. Lì morì, anche se ancora oggi non si sa se per alcol, insufficienza cardiaca o altre cause. Fu sepolto nel cimitero presbiteriano di Westminster a Baltimora.


Frasi di Edgar Allan Poe

Abbiamo un totale di 38 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

E se guarderai a lungo nell'abisso anche l'abisso vorrà guardare in te.


Leggi le frasi di Edgar Allan Poe