Frasi di Alessandro Manzoni



1/12

È men male l'agitarsi nel dubbio, che il riposar nell'errore.

2/12

Il raziocinio è un lume che uno può accendere quando vuole obbligar gli altri a vedere, e può soffiarci sopra, quando non vuol più veder lui.

3/12

L'uomo, fin che sta in questo mondo, è un infermo che si trova su un letto scomodo più o meno, e vede intorno a sè altri letti, ben rifatti al di fuori, piani, a livello: e si figura che ci si deve star benone. Ma se gli riesce di cambiare, appena sta accomodato nel nuovo, comincia, pigiando, a sentire, qui una lisca che lo punge, lì un bernoccolo che lo preme: siamo insomma, a un di presso, alla storia di prima.

4/12

La collera aspira a punire: e, come osservò acutamente, a questo stesso proposito, un uomo d'ingegno, le piace più d'attribuire i mali a una perversità umana, contro cui possa far le sue vendette, che di riconoscerli da una causa, con la quale non ci sia altro da fare che rassegnarsi.

5/12

La ragione e il torto non si dividono mai con un taglio così netto che ogni parte abbia soltanto dell'uno e dell'altra.

6/12

Non si può spiegare quanto sia grande l'autorità di un dotto di professione, allorché vuol dimostrare agli altri le cose di cui sono già persuasi.

7/12

Que' prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi, predicano sempre che la perfezione sta nel mezzo; e il mezzo lo fissan giusto in quel punto dov'essi sono arrivati, e ci stanno comodi.

8/12

Volete aver molti in aiuto? Cercate di non averne bisogno.

9/12

Si dovrebbe pensare più a far bene che a stare bene: e così si finirebbe anche per star meglio.

10/12

La legge l'hanno fatta loro, come gli è piaciuto; e noi poverelli non possiamo capir tutto.

11/12

Il vero male non è quello che si soffre, ma quello che si fa.

12/12

Uno dei benefici dell'amicizia è avere qualcuno cui confidare un segreto.




Biografia di Alessandro Manzoni