Frasi di Stanisław Jerzy Lec

1/173

In cima ad ogni vetta si è sull'orlo di un abisso.

2/173

Ad alcuni per essere felici manca davvero soltanto la felicità.

3/173

Anche se a una mucca dai da bere del cacao non ne mungerai cioccolata.

4/173

Aveva la coscienza pulita. Mai usata.

5/173

Chi porta il paraocchi, si ricordi che del completo fanno parte il morso e la sferza.

6/173

Ci saranno sempre degli esquimesi pronti a dettare le norme su come devono comportarsi gli abitanti del Congo durante la calura.

7/173

Gli uomini hanno i riflessi lenti; in genere capiscono solo nelle generazioni successive.

8/173

Chi tiene l'acqua in bocca abbia almeno la creanza di non sputarla poi sugli altri.

9/173

Il gallo canta persino la mattina in cui finisce in pentola.

10/173

Al momento del confronto il cadavere non ha saputo riconoscere il proprio assassino.

11/173

Anche il male vuol solo il nostro bene.

12/173

Anche quando viene chiusa la bocca, la domanda resta aperta.

13/173

C'è chi vorrebbe capire ciò in cui crede, e chi vorrebbe credere in ciò che capisce.

14/173

Che l'uomo sia lacerato dal cielo e dalla terra, pazienza, ma il peggio è che alla fine del cielo vuole il brandello che è stato strappato dall'inferno, e l'inferno è affamato di quello conquistato dal cielo.

15/173

Chissà che cosa avrebbe scoperto Colombo se l'America non gli avesse sbarrato la strada.

16/173

Ci si può sputare addosso senza aprire la bocca.

17/173

Dimmi con chi dormi e ti dirò chi sogni.

18/173

È facile dire: "Eccomi!" Bisogna anche esserci.

19/173

È forse per scontare il fatto che non credo nell'anima, che ne sono privo?

20/173

È una croce mettere d'accordo due coordinate.

21/173

Frequentare i nani deforma la spina dorsale.

22/173

Ho avuto un incubo: l'ipertrofia della burocrazia in uno Stato che ha appena liquidato l'analfabetismo.

23/173

Ho sognato la realtà. Che sollievo, svegliarsi!

24/173

I poeti sono come i bambini: quando siedono a una scrivania, non toccano terra coi piedi.

25/173

Il gambero arrossisce dopo la morte. Che finezza esemplare, in una vittima!

26/173

Il momento in cui si riconosce la propria mancanza di talento è un lampo di genio.

27/173

Il peggior sporco è quello morale: istiga a un bagno di sangue.

28/173

Il condannato non è mai all'altezza della forca.

29/173

In principio era il Verbo – e alla fine le chiacchiere.

30/173

L'uomo aumenta di prezzo, che è lui stesso a pagare.

31/173

L'uomo: persona non grata.

32/173

La prima condizione dell'immortalità è la morte.

33/173

La Rivoluzione francese ha dimostrato che restano sconfitti coloro che perdono la testa.

34/173

La verità viene sempre a galla. Per questo deve subito prendere il largo.

35/173

Le stupidaggini di una data epoca per la scienza delle epoche successive sono importanti quanto le sue saggezze.

36/173

Molti che avevano preceduto il proprio tempo, hanno poi dovuto aspettarlo in locali piuttosto scomodi.

37/173

Non butti i guanti chi ha le mani sporche.

38/173

Non chiedere a Dio la via per il cielo; ti indicherà la più difficile.

39/173

Non siate crudeli, non raddolcite la vita ai masochisti!

40/173

Orribile è il bavaglio spalmato di miele.

41/173

Produrre uomini è conveniente? Bisognerebbe sapere quale percentuale sarà vendibile!

42/173

Quando il nemico si strofina le mani, è il momento buono. Abbi libere le tue.

43/173

Quello? È di un'ignoranza enciclopedica!

44/173

Se abbattete i monumenti, risparmiate i piedistalli. Potranno sempre servire.

45/173

Se si potesse scontare la morte dormendola a rate!

46/173

Si può chiudere un occhio sulla realtà, ma non sui ricordi.

47/173

Si può seguire coerentemente uno scopo per tutta una vita, se quello si sposta di continuo.

48/173

Sono molti a starsene con le dita nel naso mentre la nazione vive i suoi momenti storici. E per lo più questi signori provengono da famiglie nelle quali il mettere le dita nel naso è considerato una cosa orribile.

49/173

Tra un amore e l'altro, ci vuole una quarantena con un terzo.

50/173

Tutto è illusione. Compresa la frase precedente.


Biografia di Stanisław Jerzy Lec