Biografia di Michel Houellebecq

Michel Houellebecq
Nazione: Francia    
Michel Houellebecq è nato a Saint-Pierre, Francia il 26 febbraio 1956. É scrittore, saggista, poeta, regista e sceneggiatore.

I genitori di Houellebecq lo hanno mandato a vivere con i nonni materni quando era ancora un neonato. All'età di cinque o sei anni è stato affidato alle cure della nonna paterna, di cui in seguito ha adottato il cognome da nubile. Il suo lavoro dimostra che l'abbandono e la continua assenza dei genitori, che divorziarono quando era giovane, lo hanno segnato profondamente. Nel collegio che ha frequentato, è diventato un emarginato molto colto. A 18 anni si è iscritto alla scuola preparatoria. Nonostante gli studi scientifici, in cui era eccellente, è attratto dalla compagnia degli scrittori di Parigi e inizia a scrivere poesie. La nonna tutrice muore nel 1978. Nel 1980 si laurea in agronomia, campo in cui perde rapidamente interesse.
Ha sottoposto alcune poesie alla pubblicazione della Nouvelle Revue de Paris, che le ha accettate. Il suo editore, Michel Bulteau, lo ha incoraggiato a scrivere per una collana che Bulteau aveva avviato presso la casa editrice Éditions le Rocher. Grazie a questo legame, ha scritto H.P. Lovecraft: contre le monde, contre la vie (1991), una biografia e un apprezzamento del maestro americano del macabro. Nello stesso anno ha pubblicato una raccolta di brevi meditazioni in prosa, Rester vivant: méthode, e il suo primo libro di poesie, La Poursuite du bonheur. Per mantenersi nella sua nascente carriera di scrittore, ha lavorato come programmatore di computer, lavoro che ha ispirato il suo primo romanzo: Extension du domaine de la lutte (1994, da cui fu prodotto un film nel 1999), che ha come protagonista un tecnico informatico senza nome. Questo libro gli ha permesso di essere conosciuto da un pubblico più vasto. In seguito ha pubblicato un altro volume di poesie, il cupo Le Sens du combat (1996).
Si è imposto all'attenzione internazionale solo quattro anni dopo, con la pubblicazione di Les Particules élémentaires (1998 e relatico filmato del 2006), pubblicato come Atomised nel Regno Unito e come The Elementary Particles negli Stati Uniti. Il critico del New York Times Michiko Kakutani lo ha considerato "una lettura profondamente ripugnante", ma ha vinto l'IMPAC Dublin Literary Award 2002.
Tra le sue opere successive si ricordano Lanzarote (2000), un attacco alle pratiche vacanziere europee; Plateforme(2001), una riflessione sul turismo sessuale in cui traccia un ritratto crudele e selvaggio di sua madre; e La Possibilité d'une île (2005, film del 2008, diretto dall'autore), un cupo racconto futuristico sulle implicazioni e le possibilità della riproduzione per clonazione. Nel 2008 Ennemis publics ha documentato uno scambio di opinioni - via e-mail - tra Houellebecq e l'intellettuale pubblico francese Bernard-Henri Lévy su una serie di argomenti, tra cui quelle che consideravano critiche immeritate.
Il suo quinto romanzo, La Carte et le territoire (2010), in cui compare un personaggio di nome Houellebecq, ha vinto il Prix Goncourt 2010. Soumission (2015) è un'opera distopica di narrativa speculativa in cui la Francia è diventata uno Stato islamico. Il romanzo è stato pubblicato il giorno degli attacchi alla sede parigina della rivista satirica Charlie Hebdo, che quella settimana aveva pubblicato un numero con una caricatura di Houellebecq in copertina. Il suo romanzo successivo, Sérotonine (2019: Serotonina), è incentrato su un ingegnere agricolo depresso che si trasferisce in campagna in mezzo a crescenti disordini sociali. L'opera, fortemente critica nei confronti dell'Unione europea, è stata considerata preveggente, poiché è stata pubblicata poco dopo le manifestazioni di massa che hanno avuto come tema la disuguaglianza in Francia. Il thriller politico Anéantir(2022) è incentrato sulle elezioni presidenziali francesi del 2027.


Frasi di Michel Houellebecq

Abbiamo un totale di 5 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Vivere senza leggere è pericoloso, ci si deve accontentare della vita e questo comporta notevoli rischi.


Leggi le frasi di Michel Houellebecq