Biografia di Gustave Flaubert

Gustave Flaubert
Nazione: Francia    
Gustave Flaubert nacque a Rouen, Francia il 12 dicembre 1821 e morì a Croisset, Francia il giorno 8 maggio 1880. Fu uno scrittore.

Quarto figlio di un illustre medico che dirigeva l'ospedale di quella città, fu un ragazzo sensibile e tranquillo; leggeva molto e, poiché la famiglia viveva in una casa sul terreno dell'ospedale, acquisì presto una conoscenza delle tecniche e delle idee scientifiche. Frequentò il liceo a Rouen e nel 1841 venne mandato, contro la sua volontà, a studiare legge a Parigi. Nella capitale si fece nuovi amici e frequentò i circoli letterari. Il suo talento per la scrittura fu stimolato da queste esperienze.
Nel 1844 fu vittima di una grave malattia nervosa, non identificabile con precisione, ma probabilmente legata all'epilessia. Per motivi di salute si ritirò nella nuova casa di famiglia a Le Croisset, un sobborgo di Rouen. Colse volentieri l'occasione per abbandonare l'avvocatura e la maggior parte del suo tempo la trascorse a Le Croisset, dove visse tranquillamente e si dedicò alla scrittura e agli studi.

Nel 1849-50 compì un viaggio nel Vicino Oriente, dove viaggia molto in Egitto, Siria, Turchia e Grecia, e nel 1857 visitò il sito dell'antica Cartagine in Nord Africa. Con il passare degli anni, conobbe ed ebbe il rispetto dalla maggior parte delle importanti figure letterarie dell'epoca, tra cui Victor Hugo, Georges Sand, Sainte-Beuve, Gautier, Turgenev, i de Goncourt e de Maupassant. Ebbe pochi amici intimi, ma nella sua vita ci furono due relazioni insolite con le donne. La prima riguarda Elisa Schlessinger, una donna sposata e più anziana che incontrò a Trouville quando aveva quindici anni e che per molti anni fu oggetto del suo affetto platonico e idealizzato. L'altra fu Louise Colet, una poetessa, che fu la sua amante tra il 1846 e il 1854. Tuttavia si videro molto raramente e la loro relazione esistette soprattutto nelle loro lettere: scoprì con sgomento che Louise in carne e ossa non era la stessa Louise della sua immaginazione. Come conseguenza preferì vivere una vita solitaria a Le Croisset dedicandosi ad altre attività; per questo fu spesso considerato un recluso misantropo. Carattere morboso e pessimista, forse dovuto alla sua malattia, provò un violento odio e disprezzo per la società borghese: fu spesso amareggiato e infelice per la grande disparità che esisteva tra i suoi sogni e le sue fantasie irrealizzabili e la realtà della sua vita come ad esempio il suo amore mistico e idealizzato per Elisa che influenzò negativamente tutte le sue relazioni successive con le donne. L'infelicità e la solitudine sono forse espresse al meglio dalla sua famosa osservazione: "Madame Bovary, c'est moi". Sebbene abbia guadagnato fama come scrittore nel corso della sua vita, non ebbe successo finanziario (guadagnò solo 500 franchi per i primi cinque anni di vendite di Madame Bovary) e fu ferito dall'inimicizia e dall'incomprensione dei suoi critici e lettori. Al culmine dell'ostilità pubblica, nel 1857, lui e l'editore di Madame Bovary furono processati per "oltraggio alla morale pubblica e alla religione". Tuttavia, il caso fu definitivamente assolto.
Tra le sue opere ricordiamo Madame Bovary (1857); Salammbo (1862), un pesante romanzo storico sulla guerra tra Roma e Cartagine; Un'educazione sentimentale (1869), un romanzo che tratta ancora una volta il tema delle frustrazioni della vita borghese e delle aspirazioni umane; e La tentazione di Sant'Antonio (1874), una ricca e suggestiva serie di tableaux religiosi. Nel 1877 pubblicò Tre racconti, che contiene i bellissimi racconti Un cuore semplice, La leggenda di San Giuliano l'Ospedaliere ed Erodiade.

Questi racconti, giustamente famosi, sono capolavori della narrativa breve e sono tra le sue opere più belle e commoventi. L'opera teatrale, Il candidato, fallì dopo poche rappresentazioni nel 1874, e il suo ultimo romanzo, Bouvard e Pechuhet, incompiuto alla sua morte, avvenuta per probabile emorragia cerebrale, fu pubblicato postumo nel 1881.


Frasi di Gustave Flaubert

Abbiamo un totale di 3 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Perché voler essere qualcosa quando si può essere qualcuno?


Leggi le frasi di Gustave Flaubert