Biografia di Anton Cechov

Anton Cechov
Nazione: Russia    
Anton Pavlovič Čechov nacque a Taganrog, Russia, il 29 gennaio 1860 e morì a Badenweiler, Germania, il 15 luglio 1904. Fu drammaturgo e scrittore.

Suo padre, Pavel, era un droghiere con frequenti problemi di denaro; sua madre, Yevgeniya, condivideva il suo amore per la narrazione con Anton e i suoi cinque fratelli.
Quando l'attività di Pavel fallì nel 1875, portò la famiglia a Mosca per cercare altri lavori mentre Anton rimase a Taganrog fino a quando non terminò gli studi. Si unì alla sua famiglia a Mosca nel 1879 e si iscrisse alla facoltà di medicina. Con suo padre ancora in difficoltà finanziarie, sostenne la famiglia con la sua scrittura freelance, producendo centinaia di brevi fumetti sotto uno pseudonimo per riviste locali.

Durante la metà degli anni 1880, praticò come medico e iniziò a pubblicare una serie opere di narrativa sotto il suo nome. I suoi pezzi apparvero sul New Times e poi come parte di collezioni come Motley Stories (1886). La sua storia "The Steppe" fu un importante successo, guadagnandosi il Premio Pushkin nel 1888. Nei primi lavori mostrò una forte influenza dei principali realisti russi del XIX secolo, come Tolstoy e Dostoevskij.
Scrisse anche opere per il teatro durante questo periodo: le prime furono brevi farse, tuttavia rapidamente sviluppò il suo stile distintivo, un mix unico di commedia e tragedia. Lavori come Ivanov (1887) e Lo Spirito dei Boschi (1889) raccontarono storie di uomini istruiti delle classi superiori che affrontano debiti, malattie e inevitabili delusioni nella vita.

Scrisse molte delle sue più grandi opere dal 1890 negli ultimi anni della sua vita. Nelle sue brevi storie di quel periodo, tra cui Reparto No. 6 e La Signora con il Cane, rivelò una profonda comprensione della natura umana e dei modi in cui gli eventi ordinari possono avere un significato più profondo.
Dalla fine degli anni 1890 in poi, collaborò con Constantin Stanislavski e il Teatro d'Arte di Mosca alle produzioni delle sue opere teatrali, tra cui i suoi capolavori Il gabbiano (1895), Zio Vanya (1897), Le tre sorelle (1901) e Il giardino dei ciliegi (1904).
Nel 1901, Cechov sposò Olga Knipper, attrice del Teatro d'Arte di Mosca: la sua salute però era in declino a causa della tubercolosi che lo aveva colpito fin dalla sua giovinezza.

Durante il soggiorno in un centro di salute a Badenweiler, in Germania, morì nelle prime ore del 15 luglio 1904, all'età di 44 anni.

Frasi di Anton Cechov

Abbiamo un totale di 2 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Una brava persona si vergogna anche davanti a un cane.


Leggi le frasi di Anton Cechov