Biografia di Isaac Asimov

Isaac Asimov
Nazione: Russia    
Isaak Judovič Azimov nacque a Petroviči, Russia il 2 gennaio 1920 e morì a New York il 6 aprile 1992. Fu scrittore, biochimico e divulgatore scientifico.

Fu portato negli Stati Uniti all'età di tre anni. crebbe a Brooklyn, New York, e si laureò alla Columbia University nel 1939. Durante la seconda guerra mondiale, lavorò nella Naval Aviation Experimental Station di Filadelfia insieme agli autori di fantascienza Robert Heinlein e L. Sprague de Camp. Dopo la guerra, conseguì un dottorato di ricerca in chimica alla Columbia nel 1948. Successivamente entrò a far parte della facoltà della Boston University, con la quale rimase associato.

Iniziò a contribuire con storie a riviste di fantascienza nel 1939: vendette il suo primo racconto, Marooned off Vesta ad Amazing Stories, sebbene fosse più strettamente associato ad Astounding Science-Fiction e al suo editore, John W. Campbell, Jr., che divenne suo mentore. Nightfall del 1941, che racconta di un pianeta in un sistema a più stelle che sperimenta l'oscurità solo per una notte ogni 2.049 anni, lo portò alla ribalta tra gli scrittori di fantascienza e venne considerato uno dei più grandi racconti del genere.
Nel 1940 iniziò a scrivere le sue storie di robot (poi raccolte in I, Robot nel 1950). Nel 21° secolo, i robot "positronici" operano secondo le tre leggi della robotica:
1) un robot non può ferire un essere umano o, per inerzia, permettere che un essere umano subisca danni; 2) un robot deve obbedire agli ordini impartitigli dagli esseri umani, a meno che tali ordini non siano in conflitto con la Prima Legge; 3) un robot deve proteggere la propria esistenza fintanto che tale protezione non è in conflitto con la prima o la seconda legge.
Sviluppando (con Campbell) una serie di etiche per i robot e rifiutando le precedenti concezioni di loro come mostri di metallo predoni, influenzò la trattazione dell'argomento anche di altri scrittori.

The Encyclopedists, del 1942, fu l'inizio della popolare serie della Fondazione di Asimov. Liberamente modellata sulla caduta dell'Impero Romano, la serie della Fondazione inizia negli ultimi giorni dell'Impero Galattico. Hari Seldon escogita una disciplina, la "psicostoria", che consente la previsione delle future correnti storiche. Mette in moto un piano per ridurre i previsti secoli oscuri galattici di 30.000 anni a 1.000 anni riunendo le menti più brillanti del pianeta Terminus per formare la Fondazione di un nuovo Impero Galattico. Seldon stabilisce anche una misteriosa Seconda Fondazione in un luogo sconosciuto. La Fondazione lotta per mantenere in vita la civiltà, mentre, nei momenti di crisi acuta previsti dalla psicostoria, le registrazioni di Seldon, morto ormai da tempo, dispensano preziosi consigli. Le storie, scritte tra il 1942 e il 1949, furono raccolte come la trilogia della Fondazione: Foundation (1951), Foundation and Empire (1952) e Second Foundation (1953). La trilogia vinse uno speciale Hugo Award nel 1966 per la migliore serie di fantascienza di tutti i tempi.

I primi romanzi di Asimov (Pebble in the Sky,1950, The Stars, Like Dust,1951, e The Currents of Space, 1952) furono ambientati durante e prima dell'Impero Galattico, ma non vi era alcuna relazione con la serie della Fondazione.

Con lo pseudonimo di Paul French, scrisse la serie per bambini Lucky Starr (pubblicata tra il 1952 e il 1958): ogni volume si svolgeva su un diverso mondo del sistema solare.
Tornò ai robot positronici con due romanzi che fondevano mistero e fantascienza: in sintesi, l'umanità vive divisa tra coloro che vivono sulla Terra in città sotterranee sovrappopolate e i ricchi spaziali, che abitano su mondi attorno a stelle vicine. Il poliziotto umano Lije Baley e il detective robot con sembianze umane R. Daneel Olivaw risolvono omicidi a New York City di tremila anni nel futuro. Queste storie si dipanano nei romanzi The Caves of Steel (1954) e The Naked Sun (1957).

Durante gli anni '50, Asimov scrisse anche alcuni dei suoi migliori racconti: The Martian Way (1952), un'allegoria sul maccartismo; The Dead Past (1956), racconto di un dispositivo che può vedere nella storia (ma non ci ricorda un po' la storia del 'Cronovisore' di Ernetti?) e The Ugly Little Boy (1958) che narra l'attaccamento di un'infermiera a un bambino di Neanderthal portato accidentalmente nel futuro.
Alla fine degli anni '50, passò dalla fantascienza per concentrarsi maggiormente sulla scrittura di saggi: dal 1958 al 1991 scrisse per una rubrica mensile per The Magazine of Fantasy and Science Fiction, che ricevette uno speciale Hugo Award nel 1963. Gran parte dei saggi riguardavano argomenti scientifici diversi, scritti con lucidità e umorismo, che vanno da dalla chimica come The Chemicals of Life (1954), alla fisica di The Neutrino (1975), alla biologia con The Human Brain (1964). Scrisse pure di letteratura nel testo Asimov's Guide to Shakespeare in due volumi (1970) e di religione Asimov's Guide to the Bible, anch'esso in due volumi (1968–1969).

Tornò nuovamente alla fantascienza con The Gods Themselves nel 1972, con cui vinse gli Hugo and Nebula Awards, che riguardava il contatto con alieni avanzati provenienti da un universo parallelo. The Bicentennial Man del 1976, con cui vinse di nuovo Hugo e Nebula per il miglior romanzo, che racconta della ricerca di un robot per diventare umano, è uno dei racconti più amati di cui è stata anche fatta una trasposizione cinematografica con il grande Robin Williams nel 1999. Negli anni '80 unì le serie Robot, Empire e Foundation nello stesso universo immaginario. I personaggi di Foundation's Edge (1982, Premio Hugo per il miglior romanzo) iniziano a sospettare che nella galassia sia emerso un terzo potere nascosto, ancora più potente delle due Foundations. Baley e Olivaw si sono riuniti in The Robots of Dawn (1983), in cui indagano sulla distruzione di un robot identico a Olivaw. In Robots and Empire (1985), ambientato 200 anni dopo la morte di Baley, Olivaw combatte una minaccia per l'umanità che culmina nella diaspora dalla Terra che porta all'Impero galattico. Foundation and Earth (1986) è incentrato sulla ricerca del pianeta Terra dimenticato e su come la sua storia antica, rappresentata nella serie di robot, abbia influenzato la storia della galassia. Due prequel della trilogia della Fondazione, Prelude to Foundation (1988) e Forward the Foundation (1993), che fu l'ultimo romanzo, seguono lo sviluppo della psicostoria di Hari Seldon e il piano della Fondazione.
Tra gli ultimi romanzi ci furono le espansioni di precedenti racconti, scritti con Robert Silverberg, come Nightfall (1990) e Child of Time (1991, basato su The Ugly Little Boy). Pubblicò tre volumi autobiografici: In Memory Yet Green: The Autobiography of Isaac Asimov, 1920–1954 (1979); In Joy Still Felt: The Autobiography of Isaac Asimov,1954–1978 (1980); e I, Asimov: A Memoir uscita postuma nel 1994, che valse il premio Hugo per il miglior libro di saggistica).

Morì per un arresto cardiaco causato dalla sua malattia, l'HIV, che contrasse a causa di una trasfusione per un intervento di bypass cardiaco nel 1983.

Frasi di Isaac Asimov

Abbiamo un totale di 6 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Se la corrente ti sta portando dove vuoi andare, non discutere.


Leggi le frasi di Isaac Asimov