Biografia di Woodrow Wilson

Woodrow Wilson
Nazione: Stati Uniti d'America    
Thomas Woodrow Wilson nacque a Staunton, Virginia, USA il 28 dicembre 1856 e morì a Washington, D.C., USA il 3 febbraio 1924. Fu un politico.

I genitori erano di origine prevalentemente scozzese. Poiché il padre era un ministro presbiteriano e la madre era figlia di un ministro presbiteriano, fu cresciuto in una famiglia pia e accademica. Trascorse un anno al Davidson College in North Carolina e tre all'Università di Princeton, dove conseguì la laurea nel 1879.
Dopo essersi laureato alla Law School dell'Università della Virginia, esercitò la professione di avvocato per un anno ad Atlanta, in Georgia, ma con scarsi risultati. Nel 1883 si laureò alla Johns Hopkins University e tre anni dopo conseguì il dottorato. Nel 1885 pubblicò Congressional Government, una splendida opera che analizza le difficoltà derivanti dalla separazione dei poteri legislativo ed esecutivo nella Costituzione americana.
Prima di entrare nella facoltà dell'Università di Princeton come professore di giurisprudenza ed economia politica, Wilson insegnò per tre anni al Bryn Mawr College e per due anni al Wesleyan College. Ebbe un enorme successo come conferenziere e fu molto produttivo come studioso.
Come presidente dell'Università di Princeton dal 1902 al 1910, divenne ampiamente noto per le sue idee sulla riforma dell'istruzione. Nel perseguire la sua vita intellettuale idealizzata per gli studenti scelti democraticamente, volle cambiare il sistema di ammissione, il sistema pedagogico, il sistema sociale e persino la disposizione architettonica del campus. Ma fu un pensatore che aveva bisogno di agire. Entrò quindi in politica e come governatore dello Stato del New Jersey dal 1911 al 1913 si distinse ancora una volta come riformatore.

Vinse le elezioni presidenziali del 1912, quando William Howard Taft e Theodore Roosevelt si spartirono il voto repubblicano. Una volta entrato in carica, si impegnò ad attuare le riforme che aveva delineato nel suo libro La nuova libertà, tra cui la modifica delle tariffe, la revisione del sistema bancario, il controllo dei monopoli e della pubblicità fraudolenta, la proibizione di pratiche commerciali sleali e simili.
Ma l'attenzione di quest'uomo di pace fu costretta a rivolgersi alla guerra. Nei primi giorni della Prima guerra mondiale, fu determinato a mantenere la neutralità. Protestò contro le azioni britanniche e tedesche; offrì mediazione a entrambe le parti, ma fu respinto. L'elettorato americano nel 1916, reagendo allo slogan "Ci ha tenuti fuori dalla guerra", lo rielesse alla presidenza. Tuttavia, nel 1917 la questione della libertà dei mari impose una svolta decisiva. Il 31 gennaio la Germania annunciò che la "guerra sottomarina senza restrizioni" era già iniziata; il 27 marzo, dopo l'affondamento di quattro navi americane, decise di dichiarare guerra; il 2 aprile presentò la richiesta formale al Congresso; il 6 aprile il Congresso la accolse.
Non dubitò mai del risultato. Mobilitò una nazione - la sua forza lavoro, la sua industria, il suo commercio, la sua agricoltura. Egli stesso fu il principale promotore della guerra di propaganda. Il suo discorso al Congresso dell'8 gennaio 1918 sui "Quattordici Punti" fu un colpo decisivo per vincere quella guerra, perché la gente di tutto il mondo vide nei suoi obiettivi di pace la visione di un mondo in cui libertà, giustizia e pace potessero prosperare.
Sebbene fosse all'apice della sua fama quando la Conferenza di pace del 1919 si riunì a Versailles, non riuscì a portare avanti la sua concezione totale di una pace ideale, ma riuscì ad ottenere l'adozione del Patto della Società delle Nazioni. Il suo maggiore fallimento, tuttavia, lo subì in patria, quando il Senato rifiutò di approvare l'accettazione americana della Società delle Nazioni. Questa sconfitta sbalorditiva fu il risultato della perdita del controllo del Congresso dopo che egli aveva fatto delle elezioni congressuali del 1918 praticamente un voto di fiducia, della sua incapacità di nominare nella delegazione di pace americana coloro che potevano parlare a nome del Partito Repubblicano o del Senato, della sua indisponibilità a scendere a compromessi quando alcuni piccoli compromessi avrebbero potuto avere la meglio, della sua incapacità fisica nei giorni immediatamente precedenti il voto. La causa di questa incapacità fisica fu la tensione dello sforzo massiccio che fece per ottenere il sostegno del popolo americano per la ratifica del Patto della Lega.

Dopo un discorso tenuto a Pueblo, in Colorado, il 25 settembre 1919, ebbe un collasso e una settimana dopo subì un'emorragia cerebrale dai cui effetti non si riprese mai completamente. Invalido, completò i restanti diciassette mesi del suo mandato e visse in pensione per gli ultimi tre anni della sua vita.


Frasi di Woodrow Wilson

Abbiamo un totale di 2 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

L'amicizia e' l'unico cemento capace di tenere assieme il mondo.


Leggi le frasi di Woodrow Wilson