Biografia di Lars von Trier

Lars von Trier
Nazione: Danimarca    
Lars Trier è nato a Kongens Lyngby, Danimarca il 30 aprile 1956. É regista e sceneggiatore.

Ha iniziato la sua carriera con l'elemento criminale Forbrydelsens (1984), il primo di una serie conosciuta come la Trilogia Europa, che esplora con stile il caos e l'alienazione nell'Europa moderna. Gli altri film della trilogia sono Epidemic (1987), un'allegoria metafisica sulla peste, e Europa (1991), un esame della vita nella Germania del secondo dopoguerra. Nel 1994 ha scritto e diretto una miniserie televisiva danese chiamata Riget (The Kingdom) , che è ambientata in un ospedale e si è concentrata sul soprannaturale e macabro. Si è rivelata così popolare ha avuto un sequel, Riget II (1997), e ha ispirato una versione americana, adattata dal romanziere horror americano Stephen King, per il quale von Trier è stato produttore esecutivo.

Nel 1995 insieme al regista danese Thomas Vinterberg hanno scritto un manifesto per un movimento cinematografico purista chiamato Dogme 95. I registi partecipanti hanno preso ciò che il gruppo ha soprannominato il Vow of Chastity, che hanno seguito una lista di principi che includeva, tra le altre cose, di proibire l'uso di oggetti di scena o effetti non naturali per raggiungere il vero realismo basato solo sulla narrazione. Il film successivo è stato Breaking the Waves (1996), una triste storia su una pia donna scozzese sottoposta a brutalità, che è valso la nomina all'Oscar di Emily Watson. Alla fine, l'unico film ufficiale di Dogme 95 che ha diretto è stato Idioterne (1998), un lavoro molto controverso che si concentra su un gruppo di persone che fingono pubblicamente di essere sottosviluppate.

Nel 2000 ha pubblicato Dancer in the Dark, un melodramma che presenta il cantante pop islandese Bjork come un operaia quasi cieco che trova sollievo dai suoi costanti travagli in numeri musicali alimentati dalla fantasia. Ha attirato anche l'attenzione di critica e pubblico per Dogville (2003), una parabola cinica e drammaticamente austera sugli Stati Uniti, con Nicole Kidman. Sebbene sia stato criticato per la sua mancanza di sottigliezza e per la sua politica di genere, il film è stato seguito due anni dopo da un sequel, Manderlay. Film successivi sono stati Antichrist (2009), con la sua rappresentazione grafica della violenza sessuale all'interno della relazione di una coppia in lutto, e l'inquietante Melancholia (2011), in cui un matrimonio caotico e una discordia accompagnano l'imminente collisione di un pianeta con la Terra. Il suo film successivo, Nymphomaniac, è uscito in due parti (2013): racconta le attività carnali di una donna single – interpretata da diverse attrici in età diverse – nel corso della sua vita. Il film è stato molto controverso a causa della sua rappresentazione di atti sessuali non simulati (da attori specializzati nel settore hard). Successivamente ha diretto The House That Jack Built (2018), un film deliberatamente provocatorio che segue un serial killer attraverso una serie di omicidi.


Frasi di Lars von Trier

Abbiamo un totale di 3 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

L'inferno è la vita. Non c'è modo di tornare indietro.


Leggi le frasi di Lars von Trier