Biografia di Robert Louis Stevenson

Robert Louis Stevenson
Nazione: Regno Unito    
Robert Louis Balfour Stevenson nacque il 13 novembre 1850 a Edimburgo e morì il 3 dicembre 1894 a Vaiima, isola di Samoa. Fu scrittore, drammaturgo e poeta scozzese dell'età vittoriana, noto principalmente per i romanzi L'isola del tesoro e Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde.

Stevenson fu l'unico figlio di Thomas Stevenson, un prospero ingegnere civile, e di sua moglie, Margaret Isabella Balfour. La sua cattiva salute rese difficile la scuola regolare, ma frequentò l'Accademia di Edimburgo per entrare, all'età di 17 anni, all'Università di Edimburgo, dove avrebbe dovuto prepararsi per la professione di famiglia di ingegneria dei fari. Ma Stevenson non aveva alcun desiderio di diventare un ingegnere, e alla fine accettò con suo padre, come compromesso, di prepararsi invece per lo Scottish bar.
Mostrò presto il desiderio di scrivere nella vita, e una volta adolescente decise di imparare il mestiere dello scrittore imitando una grande varietà di modelli in prosa e in versi. Il suo entusiasmo giovanile per i Covenanters (cioè quegli scozzesi che si erano uniti per difendere la loro versione del presbiterianesimo nel XVII secolo) lo portò a scrivere The Pentland Rising, la sua prima opera stampata. Durante i suoi anni all'università si ribellò alla religione dei suoi genitori e si presentò come un bohémien liberale che aborriva le presunte crudeltà e ipocrisie della rispettabilità borghese.

Nel 1873, nel bel mezzo di dolorose differenze con suo padre, visitò un cugino sposato nel Suffolk, in Inghilterra, dove incontrò Sidney Colvin, lo studioso inglese, che divenne un amico per tutta la vita, e Fanny Sitwell (che in seguito sposò Colvin). Sitwell, una donna anziana di fascino e talento, attirò il giovane e conquistò la sua fiducia. Ben presto Stevenson si innamorò profondamente, e al suo ritorno a Edimburgo le scrisse una serie di lettere in cui recitava la parte prima di amante, poi di adoratore, poi di figlio. Uno dei tanti nomi con cui Stevenson si rivolgeva a lei in queste lettere era "Claire", un fatto che molti anni dopo la sua morte avrebbe dato origine all'idea errata che Stevenson avesse avuto una relazione con una ragazza di Edimburgo di umili origini con quel nome. Alla fine la passione si trasformò in un'amicizia duratura.
Più tardi, nel 1873, Stevenson soffrì di gravi malattie respiratorie e fu inviato in Costa Azzurra, dove in seguito Colvin lo raggiunse. Tornò a casa la primavera successiva. Nel luglio 1875 fu chiamato al bar scozzese, ma non ci lavorò mai. Stevenson viaggiò spesso all'estero, il più delle volte in Francia. Due dei suoi viaggi produssero An Inland Voyage (1878) e Travels with a Donkey in the Cévennes (1879): la sua carriera di scrittore si sviluppò lentamente, ma in modo costante. Il suo saggio Roads apparve nel Portfolio nel 1873, e nel 1874 Ordered South apparve su Macmillan's Magazine; una recensione delleFables in Song di Lord Lytton apparve su Fortnightly, e il suo primo contributo (su Victor Hugo) apparve su The Cornhill Rivista, poi curata da Leslie Stephen, critico e biografo. Furono questi primi saggi, elaborati con cura, dal tono interrogativo e meditativo e dalla sensibilità insolita, che per primi attirarono l'attenzione su Stevenson come scrittore.

Stephen mise Stevenson in contatto con Edmund Gosse, il poeta e critico, che divenne un buon amico. Più tardi, quando fu a Edimburgo, Stephen presentò Stevenson allo scrittore WE Henley. I due divennero buoni amici e lo sarebbero rimasti fino al 1888, quando una lettera di Henley a Stevenson contenente un'accusa deliberatamente implicita di disonestà contro la moglie di quest'ultimo fece precipitare una lite che Henley, geloso e amareggiato, che continuò anche dopo la morte dell'amico in una recensione velenosa di una biografia di Stevenson.
Nel 1876 conobbe Fanny Vandegrift Osbourne, una signora americana separata dal marito, e i due si innamorarono. L'orrore dei genitori di Stevenson per il coinvolgimento del figlio con una donna sposata si placò in qualche modo quando lei tornò in California nel 1878, ma si riprese con maggiore forza quando Stevenson decise di unirsi a lei nell'agosto 1879. Raggiunse la California malato e senza un soldo (il racconto del suo arduo viaggio apparve più tardi in The Amateur Emigrant, 1895, e Across the Plains, 1892). Le sue avventure, che includevano l'avvicinarsi alla morte e il guadagnarsi una vita precaria a Monterey e San Francisco, culminarono nel matrimonio con Fanny Osbourne (che era ormai divorziata dal suo primo marito) all'inizio del 1880. Più o meno nello stesso periodo un telegramma dal suo il padre cedevole offrì il sostegno finanziario tanto necessario e, dopo una luna di miele in una miniera d'argento abbandonata (registrata in The Silverado Squatters, 1883), la coppia salpò per la Scozia per raggiungere la riconciliazione con i genitori.

Subito dopo il suo ritorno, accompagnato dalla moglie e dal figliastro, Lloyd Osbourne, si recò su consiglio medico (aveva la tubercolosi), a Davos, in Svizzera. La famiglia se ne andò nell'aprile 1881 e trascorse l'estate a Pitlochry e poi a Braemar, in Scozia. Lì, nonostante gli attacchi di malattia, si imbarcò su Treasure Island (iniziato come un gioco con Lloyd), che iniziò come una serie nel magazine Young Folks, con il titolo The Sea-Cook, nell'ottobre 1881. Stevenson terminò la storia a Davos, dove tornò in autunno, per poi iniziare con Prince Otto (1885), opera più complessa ma meno riuscita. Treasure Island è un'avventura presentata con consumata abilità, con atmosfera, carattere e azione perfettamente armonizzati l'uno con l'altro. Il libro è allo stesso tempo un avvincente racconto d'avventura e un ironico commento sull'ambiguità delle motivazioni umane. Nel 1881 Stevenson pubblicò Virginibus Puerisque, la sua prima raccolta di saggi, la maggior parte dei quali era apparsa su The Cornhill. Trascorse l'inverno del 1881 in uno chalet a Davos. Nell'aprile 1882 lasciò Davos per soggiornare nelle Highlands scozzesi, mentre scrisse due dei suoi migliori racconti, Thrawn Janet e The Merry Men, ebbe emorragie polmonari, e in settembre andò nel sud della Francia dove gli Stevenson si stabilirono finalmente in una casa a Hyères: nonostante la malattia intermittente, fu felice e lavorò bene. Fece la revisione del principe Otto, lavorò a A Child's Garden of Verses (prima chiamato Penny Whistles) e iniziò The Black Arrow: A Tale of the Two Roses (1888), un racconto di avventura storica scritto deliberatamente in un linguaggio anacronistico.

La minaccia di un'epidemia di colera fece fuggire la famiglia in Gran Bretagna. Vissero a Bournemouth dal settembre 1884 al luglio 1887, ma i frequenti attacchi di malattie pericolose dimostrarono in modo decisivo che il clima britannico, anche nel sud dell'Inghilterra, non facesse per lui. Gli anni di Bournemouth, tuttavia, furono fruttuosi. Lì conobbe il romanziere americano Henry James, effettuò la revisione di A Child's Garden (pubblicato per la prima volta nel 1885) e scrisse Kidnapped e Strange Case of Dr. Jekyll e Mr. Hyde: furono libri che gli diedero successo, ma fu l'ultimo, sia allegoria morale che thriller, a decretarne la fama imperitura presso il lettore ordinario.
Nell'agosto 1887, ancora in cerca di salute, Stevenson partì per l'America con la moglie, la madre e il figliastro. Al suo arrivo a New York, si ritrovò ad essere considerato famoso con parecchi editori che offrivano contratti redditizi. Rimase per un po' sulle montagne Adirondack, dove scrisse saggi per Scribner's e iniziò The Master of Ballantrae. Questo romanzo, un'altra esplorazione delle ambiguità morali, contiene alcuni dei suoi scritti più impressionanti, sebbene sia rovinato dalla sua conclusione artificiosa.
Nel giugno 1888 Stevenson, accompagnato dalla sua famiglia, salpò da San Francisco sullo yacht goletta Casco, che aveva noleggiato, per quella che doveva essere un'escursione di salute e piacere. In effetti, avrebbe trascorso il resto della sua vita nei mari del sud. Andarono prima alle Isole Marchesi, poi all'atollo di Fakarava, poi a Tahiti, poi a Honolulu, dove rimasero quasi sei mesi, partendo nel giugno 1889 per le Isole Gilbert, e poi a Samoa, dove trascorse sei settimane. Durante i suoi mesi di vagabondaggio per le isole del Mare del Sud compì sforzi intensi per comprendere l'ambiente e gli abitanti. Di conseguenza, i suoi scritti sui mari del sud (In the South Seas, 1896; A Footnote to History, 1892) sono mirabilmente pungenti e penetranti: aveva raggiunto uno stile di prim'ordine. Nell'ottobre 1890 tornò a Samoa da un viaggio a Sydney e si stabilirono a Vailima, la sua casa a Samoa. Il clima gli fu favorevole: condusse una vita operosa e attiva; e, quando morì improvvisamente, fu per un'emorragia cerebrale, non per la tanto temuta tubercolosi.

Frasi di Robert Louis Stevenson

Abbiamo un totale di 40 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Il vino è poesia imbottigliata.


Leggi le frasi di Robert Louis Stevenson