Biografia di Haruki Murakami

Haruki Murakami
Nazione: Giappone    
Haruki Murakami è nato a Kyoto il 12 gennaio 1949. É scrittore e traduttore.

Figlio di due insegnanti, dopo il liceo, frequentato a Kobe per prepararsi all'ammissione all'università, fallì il test. Si trasferì a Tokyo e studiò drammaturgia alla facoltà di Lettere dell'università Waseda. In quel periodo si interessò molto di cinema, tanto da arrivare a vedere più di duecento film in un anno. Un giorno, ubriaco, strappò l'insegna dell'Università Femminile del Giappone, per cui venne espulso dal dormitorio. Trovò un altro alloggio, ma molto più lontano dall'ateneo, per cui la sua frequenza alle lezioni diminuì, mentre passava da un lavoro part-time all'altro durante gli anni delle rivolte studentesche.

Nel 1971 si sposò e nel 1974 aprì insieme alla moglie un bar, chimato Peter Cat, che la sera vendeva anche alcoolici. Nel 1975 riuscì a laurearsi. Nel 1978 il bar si trasferì in una zona più centrale di Tokyo, con uno Stregatto sull'insegna. da sempre interessato a musica e letteratura, quello fu l'anno in cui scoprì la sua vocazione letterria. Il suo primo romanzo, Ascolta la canzone del vento vide la luce l'anno dopo e vinse subito il premio Gunzo come miglior esordiente. Nel 1982 pubblicò Sotto il segno della pecora che gli fece vincere il Premio letterario Noma. I due citati libri, insieme a Il flipper costituiscono la cosiddetta trilogia del Ratto, dal nome di uno dei personaggi principali.

Nel 1981 vendette il bar, potendosi ormai permettere di vivere con in proventi delle sue opere. Nel 1985 vinse il premio Tanizaki (dal nome dell'autore premio Nobel del famoso romanzo La chiave del 1956) del valore di un milione di yen. In quegli anni traslocò molte volte e nel 1986 partì per l'Europa, visitando Grecia e Italia. Fu proprio a Roma che scrisse Norwegian wood, col quale vendette due milioni di copie. Nel 1991 si trasferì negli Stati Uniti dove divenne prima ricercatore e poi professore associato all'Università di Princeton. Tra un trasferimento e l'altro, tra un premio e l'altro, Murakami si dedicò anche alla corsa. Ritornato in Giappone nel 2001, collezionò la partecipazione a più di venticinque maratone.

Oltre a scrivere, fu anche traduttore, soprattutto delle opere di Raymond Carver, che lui considera tuttora il suo mentore, e di J.D Salinger.


Frasi di Haruki Murakami

Abbiamo un totale di 1 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Una civilizzazione in cui non si riesce a tostare del pane al punto desiderato, che valore può avere?


Leggi le frasi di Haruki Murakami