Biografia di Peter Handke

Peter Handke
Nazione: Austria    
Peter Handke è nato a Griffen, Austria il 6 dicembre 1942. É scrittore, poeta, drammaturgo, saggista, sceneggiatore e regista.

Figlio di un impiegato di banca, ha studia legge all'Università di Graz dal 1961 al 1965 e ha collaborato alla rivista letteraria d'avanguardia Manuskripte. Si fa notare come drammaturgo anticonvenzionale con il suo primo dramma importante, Publikumsbeschimpfung (1966; Offendere il pubblico), in cui quattro attori analizzano per un'ora la natura del teatro e poi alternativamente insultano il pubblico e ne lodano la "performance", una strategia che suscita reazioni diverse da parte del pubblico. Sono seguite a queste, altre opere prive di trama, dialogo e personaggi convenzionali, ma l'opera drammatica più significativa è il suo primo dramma completo, Kaspar (1968), che ritrae il trovatello Kaspar Hauser come un innocente quasi privo di parola, distrutto dai tentativi della società di imporgli il proprio linguaggio e i propri valori razionali. Tra le altre opere si ricordano Das Mündel will Vormund sein (1969; "Il rione vuole essere guardiano"; trad. inglese My Foot My Tutor) e Der Ritt über den Bodensee (1971; La cavalcata attraverso il lago di Costanza).
I suoi sono per lo più racconti di personaggi che si trovano in stati d'animo estremi. Il suo romanzo più noto, Die Angst des Tormanns beim Elfmeter (1970; L'ansia del portiere ai calci di rigore), è un thriller fantasioso su un ex giocatore di calcio che commette un omicidio inutile e poi aspetta che la polizia lo prenda in custodia. Die linkshändige Frau (1976; La donna mancina) è la descrizione spassionata di una giovane madre che affronta il disorientamento che prova dopo la separazione dal marito. Anche il libro di memorie sulla madre defunta, Wunschloses Unglück(1972; "Sfortuna senza desideri), è un'opera efficace.
Langsame Heimkehr (1979; Ritorno lento a casa) è una storia in tre parti che culmina con una meditazione sulla paternità, mentre In einer dunklen Nacht ging ich aus meinem stillen Haus (1997; In una notte buia ho lasciato la mia casa silenziosa) segue il viaggio che cambia la vita di un uomo reso muto da un infortunio. Der Bildverlust; oder, durch die Sierra de Gredos (2002; Attraversando la Sierra de Gredos) descrive il pellegrinaggio e la vita interiore di una donna che attraversa una catena montuosa iberica. Tra i romanzi successivi di Handke figurano Der grosse Fall (2011; La grande caduta), che segue un attore invecchiato per un giorno, e Die Obstdiebin; oder, einfache Fahrt ins Landesinnere (2017; Il ladro di frutta; o, viaggio di sola andata nell'interno).
Ha scritto anche racconti, saggi, radiodrammi e opere autobiografiche; il linguaggio ordinario, la realtà quotidiana e l'ordine razionale dei suoi scritti hanno un effetto costrittivo e mortifero sull'essere umano e sono sottesi da irrazionalità, confusione e persino follia.

È stato coinvolto dai grandi della cinematografia. Ha scritto la sceneggiatura di diversi film diretti da Wim Wenders, tra cui Der Himmel über Berlin (1987; Le ali del desiderio), e ha scritto le sceneggiature per gli adattamenti cinematografici e televisivi di alcuni dei suoi libri. Inoltre, ha diretto tre lungometraggi, tra cui L'Absence (1992; L'assenza), di cui è anche autore.
Nel 2006 la sua fama letteraria è stata oscurata dalla sua politica. Il sostegno pubblico dello scrittore a Slobodan Milošević, l'ex presidente della Jugoslavia morto quell'anno mentre era sotto processo per genocidio e crimini di guerra, ha causato polemiche dopo che l'autore ha parlato al suo funerale. È stato poi selezionato per ricevere il Premio Heinrich Heine di quell'anno, anche se lo ha rifiutato prima che gli venisse revocato.
Il documentario Peter Handkeè uscito nel 2016.


Frasi di Peter Handke

Abbiamo un totale di 6 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Tanto estraneo può diventare solo ciò che si ama alla follia.


Leggi le frasi di Peter Handke