Biografia di Alexandre Dumas padre

Alexandre Dumas padre
Nazione: Francia    
Alexandre Dumas, padre di Alexandre Dumas (che vengono indicati rispettivamente come 'Dumas padre' e 'Dumas figlio') nacque il 24 luglio 1802 a Villers-Cotterêts e morì il 5 dicembre 1870 a Neuville-lès-Dieppe. Fu uno scrittore e drammaturgo.

Figlio di un generale dell'esercito francese che lasciò la sua famiglia praticamente in rovina quando morì nel 1806, Alexandre Dumas dovette abbandonare prematuramente gli studi. Arrivò a Parigi nel 1823, dopo una prima esperienza come impiegato di un avvocato, pieno di ambizioni letterarie. Grazie all'incarico di cancelliere del duca d'Orléans, ottenuto su raccomandazione del generale Foy, riuscì a completare la sua formazione da autodidatta.
Dal 1825 curò poesie e lunghi racconti, e mise in scena spettacoli di vaudeville nei teatri di varietà, ma il vero inizio della sua carriera di drammaturgo avvenne nel 1829, con Enrico III e la sua corte, prima manifestazione della nuova generazione letteraria romantica, che anticipava di un anno Hernáni, di Victor Hugo. Antony, nel 1831, segnò l'inizio di un periodo di instancabile creazione di drammi, tragedie e melodrammi, quasi tutti esaltanti la storia nazionale della Francia.

Grande estimatore di Walter Scott, dal 1832 scrisse anche romanzi storici, approfittando dell'ascesa del genere determinata dalla sua pubblicazione a puntate sui giornali. Nonostante lo scarso successo dei suoi primi romanzi, l'apparizione de I tre moschettieri nel 1844 significò la sua ascesa alla fama. Le ingenti somme di denaro che gli furono offerte, vista la crescente richiesta dei suoi romanzi da parte del pubblico, determinarono una vera e propria esplosione nella produzione di Dumas. Lavorando innumerevoli ore al giorno, e con l'aiuto di diversi collaboratori (tra cui lo storico Auguste Maquet, con il quale lavorò dal 1839 al 1851), produsse ottanta romanzi, di qualità ineguale.

La maggior parte appartiene al genere storico o avventuroso, in cui spicca senza dubbio Il conte di Montecristo. Lo scarso spessore psicologico dei personaggi è ampiamente compensato da un'esuberante inventiva quando si tratta di creare gli intrighi, e dalla perfetta padronanza dei dialoghi, sempre agili e vivaci. Indubbiamente, questo era il motivo per cui le sue opere venivano spesso trasferite a teatro. A tal fine fondò nel 1847 a Parigi il Théâtre Historique, compagnia che quattro anni dopo fallì a causa dei debiti contratti, nonostante il suo successo.

L'enorme vitalità di Dumas lo portò a cimentarsi in tutti i generi letterari e la serie delle sue Impressioni di viaggio (1835-1859) ne fece il primo maestro del grande reportage. Fece una breve incursione nell'universo politico: fu nominato capitano della Guardia nazionale parigina, ma litigò con Luigi Filippo d'Orleans e, dopo un clamoroso scandalo alle Tuileries, rifiutò il nuovo regime e tornò alla letteratura. Dopo due successivi fallimenti elettorali nel marzo e nel giugno 1848, nel 1851, fuggendo più dai creditori che da Napoleone III, andò in esilio in Belgio, dove scrisse le sue appassionate e pittoresche memorie, componendo anche nuovi romanzi d'avventura. Tornò in Francia nel 1853 e fondò la rivista satirica Il Moschettiere, che divenne Il Monte-Cristo nel 1857. Di fronte alla continua censura di Napoleone III, lasciò nuovamente la Francia e si unì alla spedizione garibaldina in Sicilia nel 1860. Fu incaricato di acquistare armi per il rivoluzionario italiano e si stabilì a Napoli, dove Garibaldi lo nominò curatore del museo cittadino. Nemico del cardinale Francesco Zamparini, fu espulso dai napoletani, e promosse nuovi tentativi giornalistici a Parigi, che fallirono poco dopo.

Rovinato, visse gli ultimi anni della sua vita a spese del figlio Alexandre Dumas , anche lui scrittore, e di sua figlia, Madame Petel. Affermò di aver scritto più di 1.200 opere e, sebbene stesse indubbiamente esagerando la cifra, lasciò circa 300 libri e numerosi articoli, rendendolo uno degli autori romantici più prolifici e popolari in Francia.


Frasi di Alexandre Dumas padre

Abbiamo un totale di 2 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

L'onore è il rispetto di ciò che si deve agli altri, e soprattutto di ciò che si deve a se stessi.


Leggi le frasi di Alexandre Dumas padre