Biografia di Cassius Clay

Cassius Clay
Nazione: Stati Uniti d'America    
Cassius Marcellus Clay Jr. nacque a Louisville, Kentucky il 17 gennaio 1942 e morì a Scottsdale, Arizona il 3 giugno 2016. Fu un pugile.

Iniziò a praticare il pugilato all'età di 12 anni scalando i ranghi dilettantistici fino a vincere la corona olimpica dei pesi massimi leggeri nel 1960. La sua prima vittoria da professionista nei pesi massimi fu contro Sonny Liston nel 1964. Dopo aver difeso il titolo per nove volte tra il 1965 e il 1967, ne fu privato per aver rifiutato l'arruolamento nelle forze armate in seguito alla sua accettazione degli insegnamenti della Nation of Islam. Fu allora che cambiò il suo nome in Muhammad Ali.
Nel 1974 Ali riconquistò il titolo dopo aver sconfitto l'ex campione Joe Frazier e l'allora campione in carica George Foreman. Nel 1978 perse contro Leon Spinks, ma più tardi nello stesso anno riconquistò il titolo per la terza volta, diventando il primo campione dei pesi massimi di sempre.
Si ritirò nel 1979, avendo perso solo tre dei 59 incontri disputati. I tentativi di ritorno nel 1980 e nel 1981 fallirono. Per tutta la sua carriera fu noto per il suo fascino aggressivo, l'atteggiamento invincibile e le sue colorite vanterie, spesso espresse in versi sgrammaticati. "Sono il più grande" era il suo credo personale. Gli ultimi anni sono stati segnati dal declino fisico. I danni al cervello, causati da colpi alla testa, gli hanno provocato un rallentamento della parola, dei movimenti e altri sintomi del morbo di Parkinson.

Morì a causa di uno shock settico dovuto all'aggravarsi del suo stato di salute.


Frasi di Cassius Clay

Abbiamo un totale di 7 frasi.
Le abbiamo suddivise in pagine da 50 frasi ciascuna.
Intanto te ne inseriamo una qui come stuzzichino.

Non ho niente contro i Vietcong, loro non mi hanno mai chiamato "negro".


Leggi le frasi di Cassius Clay